Cronaca
Lutto

E' morta all'improvviso a soli 22 anni

E’ stata trovata senza vita nell’appartamento in cui viveva a Samarate, in provincia di Varese. Cassano d'Adda piange la scomparsa di "Kris".

E' morta all'improvviso a soli 22 anni
Cronaca Cassanese, 28 Febbraio 2022 ore 14:26

Aveva tanti amici e progetti per il futuro, ma un malore improvviso ha stroncato la giovane vita di Zhenhui Lin. La comunità di Cassano d'Adda si è stretta attorno ai genitori della ragazza.

Due comunità in lacrime per la scomparsa di Zhenhui Lin

E’ stata trovata senza vita nell’appartamento in cui viveva a Samarate, in provincia di Varese. La vita di Zhenhui Lin, chiamata "Kris", non è stata facile, ma grazie all’affetto dei familiari e di tanti amici l’ha sempre affrontata con un dolce sorriso. Un malore fatale, però, l'ha portata via a soli 22 anni. I funerali si sono tenuti sabato pomeriggio nella chiesa dell’Annunciazione di Cassano d'Adda dove in molti si sono stretti attorno a papà Antonio e mamma Shaoli. La salma è stata poi tumulata nel camposanto cittadino.

In molti l'hanno ricordata con affetto

La giovane ha saputo conquistare chiunque l'abbia conosciuta. In molti hanno voluto ricordarla. Riportiamo i loro pensieri:

"Lin Zhenui era una delle ragazze più forti che abbia conosciuto, il suo impegno costante e la sua dedizione nel raggiungere i suoi obbiettivi nonostante le difficoltà mi hanno sempre ispirata e continueranno a farlo. Il ricordo che voglio mantenere per sempre di lei è il suo sorriso, la sua felicità il giorno della festa del Diploma, quel giorno in cui, tutte le sue fatiche e il suo impegno sono state ricompensate e ci diceva continuamente: “ce l’ho fatta”. Per lei è stato un traguardo importante ed essere stata presente per tutti questi anni in cui si è impegnata per raggiungerlo e nel giorno effettivo in cui è salita sul quel palco per ricevere il diploma mi ha lasciato di lei un ricordo che terrò sempre nel mio cuore".
Caroline – amica e compagna di classe

"Gli scorsi cinque anni scolastici sono stati piuttosto complicati sia dal punto di vista mentale sia dal punto di vista fisico, per Zhenhui lo saranno stati il triplo dal momento che faceva molta più fatica con l’italiano rispetto a noi. Nonostante questo, era sempre disposta ad aiutarci, soprattutto è stata fondamentale per il nostro approccio alla lingua cinese. Mi ricordo che durante gli ultimi mesi di scuola le chiedevo spesso consigli e aiuti per capire se quello che stavo facendo fosse corretto o meno. Lei mi rispondeva sempre e subito, era una ragazza veramente disponibilissima e magari nonostante nel gruppo classe non fosse la persona più estroversa, sono certa che con le persone più vicine a lei sia sempre stata una fantastica amica".
Anna – amica e compagna di classe

"Cara Zhenhui, ho impressa l'immagine del giorno tuo compleanno in terza superiore, ancora senza mascherina. Mi ricordo quando sei arrivata, con quel sorriso radioso, con i sacchetti pieni di dolci di tutti i tipi per soddisfare i gusti di ognuno... Un esempio sciocco forse, ma dimostrativo del fatto che provassi sempre a rendere felici tutti, anche con piccoli, ma in realtà grandi, gesti come questi. Me la tengo stretta stretta questa immagine, tu sorridente in mezzo ai tuoi amici pronta ad iniziare un nuovo capitoli della tua vita! Fai buon viaggio. 我爱你".
L'amica Ilaria

"Un sorriso che conquistava, la sua curiosità e la voglia di imparare; la costanza con cui affrontava quelle lezioni alla sesta ora, in quell’aula del seminterrato dell’era pre-Covid… I ricordi più belli legati alle ore passate insieme a Kris sono sicuramente quelli di accompagnatrice a Izegem durante lo scambio in Belgio (esattamente 2 anni fa). La ricordo entusiasta, allegra, dolce e sempre molto coinvolta da tutto quello che le veniva proposto: dalla visita al Parlamento europeo di Bruxelles, a quella del Palazzo in stile coloniale, unica attrazione storica di Izegem… Il ricordo più intenso e vivo è sicuramente quello dell’ultima mattinata trascorsa a scuola a Izegem: anche se si respirava un clima malinconico (quello che si prova quando una bella festa sta per finire…) Kris aveva creato insieme alla sua “partner” dello scambio, un breve video che riassumeva la sua esperienza in quel paesino delle Fiandre. A pensarci bene, é stata l’ultima volta che ho potuto vederla in presenza, perché il nostro ritorno dal Belgio purtroppo aveva coinciso con l’inizio del primo lockdown per la pandemia. L’anno scorso non ho avuto il piacere di essere di nuovo la sua docente di spagnolo, ma sono felice di avere avuto un'alunna come lei, e il suo ricordo resterà sempre nel mio cuore".
Professoressa Alessandra Carlone

"Zhenhui, per tutti Kris, era una di quelle persone che si mettono sempre al secondo posto, perché prima vengono gli amici, i compagni e tutti coloro a cui lei era legata. Spesso ci è capitato di tornare a casa insieme e, quando pioveva, ci riparavamo sotto lo stesso ombrello, ridendo. Quando, invece, le davo un passaggio per tornare a casa in macchina, lei si preoccupava sempre di ringraziare. Custodirò con cura i suoi regali, dalle bacchette cinesi alla collana per mia mamma. Ammiravo la sua forza e determinazione, ma anche la sua spontanea gentilezza. La verità è che, pur avendo passato gli anni di scuola insieme ed essendo state amiche, ciò che io sono stata per lei non è paragonabile a ciò che lei ha rappresentato. Zhenhui era una persona pura, solidale e gentile. E ricordandola mi rendo conto di quanto sia poco importante tutto il resto se messo a confronto con ciò che tutti abbiamo conosciuto e ci ricordiamo di lei. Mi dispiace di non essere riuscita ad abbracciarti un'ultima volta e ti ringrazio per tutte le volte in cui lo hai fatto tu".
Gaia, amica e compagna di classe

"Era tenace, determinata ed estremamente gentile".
Alessia – professoressa

"La prima volta che vidi Kris, in realtà, fu l'estate prima dell'inizio della scuola, all'oratorio, ma non ebbi il coraggio di parlarle. Mi chiedevo se l'avrei rivista, e se avrei avuto il coraggio di iniziare una conversazione, diciamo che sono parecchio timida. Ho potuto conoscerla solo dopo, prendevamo lo stesso bus per la scuola. Questa volta riuscii a parlare e in breve tempo è diventata un punto fisso nella mia vita. Kris era curiosa, sempre pronta ad ascoltare ed imparare, e in questo eravamo uguali. Quando parlavamo finivamo sempre ad incorrere in una differenza culturale, io le spiegavo il punto di vista occidentale e lei mi raccontava della cultura cinese. Ciò che porterò con me sarà la felicità che le vedevo in volto quando la andavo a trovare nella sua classe, oppure quando, dopo scuola, mi raccontava ciò che era successo in classe, cosa aveva imparato. Spero di essere stata importante per lei almeno la metà di quanto lei lo è stata per me, perché senza dilei non penso sarei chi sono oggi".
Sefora, amica di Kris

"Cara Kris, così ti chiamavano a scuola e in questi cinque anni abbiamo avuto l’opportunità di conoscerci meglio. Sei sempre stata una persona altruista, generosa e disponibile aiutando sempre gli altri nei momenti di difficoltà nella lingua cinese e non solo. In questi cinque anni sei cresciuta e migliorata tanto nell’italiano, non ti sei mai abbattuta di fronte alle difficoltà della lingua, della scuola e della vita, per questo di te ho sempre avuto molta stima. Cara Zhenhui, questo non te lo meritavi proprio, lasci un vuoto in tutte le persone che ti hanno conosciuta veramente. Mi resta uno stupendo ricordo di te. Ti voglio bene".
Martina - la tua compagna di classe

"Avrei tante cose da dire su Lin, tutti bei ricordi che non dimenticherò. Una ragazza con tanto coraggio, dedizione e amore. Mi ricorderò per sempre di quando mi aiutava a studiare il cinese, con tanta pazienza, subito pronta ad aiutarmi e a farmi capire. Te ne sarò grata per sempre, è stato un piacere conoscerti e condividere momenti con te".
Matilde, compagna di scuola

Queste le voci di chi l’ha conosciuta durante il periodo della pandemia, quando è stata il prezioso ponte di collegamento tra scuola e famiglia di alcuni ragazzini cinesi, residenti tra Samarate e Busto Arsizio, e una mano delicata, ma ferma, decisa, ed instancabile, che ha accompagnato questi ragazzi verso l’ottenimento della licenza di scuola secondaria di primo grado.

"Kris era una ragazza sensibile e preparata, che nonostante la sua riservatezza si è messa al servizio degli altri sapendo quanto sia difficile e importante l'integrazione".
Carmen, insegnante di scuola secondaria di primo grado.

"Lunghissima è la chat di WhatsApp che conservo nel mio cellulare, frutto di tantissime occasioni d’aiuto che Kris ha offerto dal 13 Maggio 2020. Arrivai ad installare WeChat, perché i ragazzi cinesi usavano quella, e non WhatsApp, e spesso non potevo nemmeno lontanamente capire ciò che si scrivevano.. Lei era l’amica cinese di mia nipote, io la vicina di casa di alcuni ragazzini cinesi, che non stavano seguendo la Dad, perché nessuno era ancora riuscito a far sapere loro che la scuola si era trasferita all’interno di un computer… Da quel giorno, Kris è stata costante nel supporto concreto e nel motivare tutti i ragazzini cinesi che haseguito da vicino durante la Dad prima, e durante i mesi del rientro a scuola poi. L’ho vista operare con dedizione, intraprendenza e determinazione, per spronare ragazzini molto più giovani di lei, ma alle prese con la fatica di unire, in un momento terribile come quello della pandemia, la realtà domestica, impossibilitata a supportarli per motivi linguistici, con i ritmi, gli strumenti e le procedure della scuola. Ci sono almeno due ragazzini che hanno conseguito la licenza di scuola secondaria di primo grado, alla scuola di San Macario, in provincia di Varese, grazie a lei. C'è un ragazzino che non ha perso l'anno perché Kris ha imparato ad usare anche la piattaforma usata nella sua scuola di Gallarate, per aiutarlo ad iniziare la Dad, e poi c'è la sorellina minore, che allo stesso modo è stata supportata provvidenzialmente, anche nel necessario dialogo tra scuola e famiglia, che non era fattibile senza l'aiuto linguistico di Kris. Senza mai tirarsi indietro ha supportato gli insegnanti e spronato i ragazzi a fare tutte le fatiche necessarie, anche quelle impreviste e non indifferenti della pandemia, per non rischiare di perdere l'opportunità di studiare e per non rischiare di dover ripetere l'anno, perdendo anche le amicizie con i compagni di scuola e le relazioni, spesso faticosamente costruiti arrivando in classi preformate, conoscendo pochissimo la lingua locale.
Kris sarà un pensiero vivo ed indelebile quando questi ragazzini si diplomeranno, perché è stata un punto cruciale nel loro percorso scolastico, per 2 anni interi, fino ad arrivare a supportare concretamente le famiglie anche nell'atto di scelta dell'indirizzo di studio e nell' iscrizione online dei ragazzi alla scuola superiore. Fece tutto questo a titolo assolutamente gratuito, senza mai chiedersi perché non c’era un mediatore culturale per questo tipo di servizio, e investendo tempo e risorse proprie. Fece tutto questo ogni volta in cui è stato necessario, e facendolo subito, inserendolo nei suoi impegni quotidiani e di studio. Ma c’è di più: il giorno in cui le chiesi se potevo comunicare alla scuola che frequentava, ciò che aveva fatto, fornendo una certificazione scritta che potesse valere come credito nel suo percorso di studi, Kris rispose: no, non serve.. Rinunciando a qualsiasi tipo di riconoscimento pubblico, e a qualsiasi tipo di tornaconto, seppur effettivamente utile.. E questo rende ancor più puro e prezioso ciò che fece, senza raccontarlo nemmeno ai compagni di classe né ai suoi genitori..
Kris lascia un ricordo limpidissimo di sé, in chi l'ha vista operare, con delicatezza ma coraggio, intraprendenza e determinazione, semplicemente per poter essere d’aiuto…
E cosa resta, in me? Un vuoto, certo! Il sapere che non sarà più fisicamente al nostro fianco. Il sapere che ci saranno momenti in cui si sentirà concretamente la sua assenza. Ma sopra a tutto, lascia in me un esempio bellissimo ed indelebile, di quanti frutti può dare la disponibilità ad aiutare gli altri, senza trattenere nulla per sé. E l’impegno a tenere viva la memoria di tutto ciò che ha fatto, e che è stata! Potrei riassumerlo con queste parole: preziosissima occasione di incontro tra persone lontanissime, che lei ha avvicinato e fatto conoscere".
Deborah – abitante di Cascina Elisa, Samarate

Il servizio completo nell'edizione della Gazzetta dell'Adda in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 26 febbraio 2022.

Seguici sui nostri canali