Attualità
Inaugurazione

Intitolata una rotatoria all'amato ex comandante Cecoro

La cerimonia si è tenuta questa mattina, sabato 23 ottobre, a Gorgonzola.

Intitolata una rotatoria all'amato ex comandante Cecoro
Attualità Martesana, 23 Ottobre 2021 ore 13:56

Un tributo che l'intera città di Gorgonzola si è sentita in dovere di fare per gli anni di servizio prestati in qualità di Comandante della Stazione dei Carabinieri. Questa mattina, sabato 23 ottobre 2021, la rotatoria tra le vie Trieste e Piacenza è stata intitolata al luogotenente Giovanni Cecoro.

Gorgonzola rende tributo all'ex comandante dei Carabinieri

Per 23 anni, dal 1985 al 2008, ha prestato servizio come Carabiniere e guidato la Stazione di via Trieste oggi seguita dal comandante Gianni Graziani. Per il suo spirito di servizio e l'impegno dimostrato, l'Amministrazione ha intitolato la rotatoria tra via Trieste e via Piacenza all’amato luogotenente di Gorgonzola Giovanni Cecoro. La cerimonia si è tenuta questa mattina, sabato 23 ottobre 2021, a pochi passi dalla Stazione. Presenti all’inaugurazione i colleghi dell'Arma dei Carabinieri, oltre ai Marinai d'Italia, i sindaci di Gorgonzola, Gessate e Pessano con Bornago e la famiglia di Cecoro: la moglie Maria Teresa e le figlie Elena ed Emanuela.
A 13 anni dalla scomparsa tutti quelli che hanno conosciuto il luogotenente lo ricordano con stima e rispetto.

“Le persone come lui sono le migliori - ha commentato l’ispettore Nazarino Giovannelli - Si guadagnano la medaglia, ma non in un attimo, in anni di lavoro".

Dopo l'intervento dei compagni d’Arma e del sindaco Angelo Stucchi, la moglie di Cecoro ha tolto il telo posto sopra alla targa commemorativa sulla rotonda, benedetta poi dal parroco don Paolo Zago, pronunciando un discorso dritto al cuore di tutti i partecipanti.

“Mio marito era un uomo severo - ha detto - Ma era un padre amorevole, non portava mai il lavoro a casa per non appesantire noi. Oggi ho visto quanta gente lo amava. È stato bellissimo, rimarrà per sempre un grande uomo, e mi manca".

Il ricordo del comandante Graziani

A margine della cerimonia, il comandante Graziani ha voluto condividere il suo pensiero:

"È con grande piacere che voglio dedicare queste mie parole al luogotenente Giovanni Cecoro. Ho un fermo ricordo di un grande Comandante, umile, ricco di valori e allo stesso tempo un fratello maggiore, capace di guidarmi e rendermi quello che tutt’ora sono. I suoi insegnamenti, giorno dopo giorno, in maniera formativa, hanno arricchito il mio bagaglio culturale. Ricordo, come fosse ieri, quel lontano 1995, quando solo ventiquattrenne, giunto in questo paese venni accolto dal luogotenente Giovanni Cecoro, nella grande famiglia dell’Arma dei Carabinieri. La sua scomparsa ha segnato in ognuno di noi e per la collettività la fine di un lungo percorso di lavoro fatto di impegno, riconoscimenti, soddisfazioni e ostacoli da superare. E’ stato un comandante instancabile, gentile generoso e un buon amico. E' infatti difficile elencare tutte le doti che deve avere un buon Carabiniere, ma sicuramente equilibrio, coraggio, senso del dovere, lealtà, rigore morale, spirito di dedizione, cose che a lui non sono mai mancate, cose che lui infondeva ai militari. Questa è una professione molto complessa che richiede la conoscenza delle dinamiche sociali e criminali, attività che si espletano attraverso il contatto continuo con il cittadino, per individuare le esigenze di sicurezza e soddisfarle, conducendolo, ascoltandolo ed aiutandolo in qualsiasi necessità. Il Comandante di Stazione concretizza questa vera e propria attività di grande rassicurazione sociale. Gli anni sono trascorsi velocemente, ma tutti gli ostacoli sono stati sempre superati. La città di Gorgonzola che ha servito per tanti anni, deve gratitudine e riconoscenza al luogotenente Cecoro, come del resto, lo dobbiamo noi tutti. Grazie sindaco, perché oggi con questa targa ricordiamo un Carabiniere, un Comandante di Stazione, instancabile e ineguagliabile, servitore dello Stato e di questa cittadina. Porgo un caloroso saluto alla signora Maria Teresa , quale donna che nel tempo ha affiancato un marito, uomo, un Comandante di Stazione. La famiglia è pienamente consapevole di aver avuto al fianco un marito, un padre, un Carabiniere, al contempo, tutto ciò ha comportato grandi rinunce e sacrifici. Un grande grazie".

15 foto Sfoglia la gallery