Menu
Cerca
Pizzicati

Scuse in fotocopia dei sindaci della Lega: dopo la nevicata è di nuovo bufera a Cologno

Il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Massimo De Rosa ha smascherato il copia-incolla del post di scuse del primo cittadino Angelo Rocchi.

Scuse in fotocopia dei sindaci della Lega: dopo la nevicata è di nuovo bufera a Cologno
Politica Martesana, 31 Dicembre 2020 ore 09:38

Un post per chiedere scusa ai cittadini di Cologno Monzese per i disagi di questi giorni di neve. Peccato che il messaggio su Facebook del sindaco Angelo Rocchi fosse identico a quello della collega di Senago Magda Beretta. E sui primi cittadini della Lega dopo la nevicata è già bufera.

Scuse in fotocopia

A “pizzicare” i due borgomastri è stato il Movimento 5 stelle con il proprio consigliere regionale Massimo De Rosa che, attraverso una comparazione, ha voluto evidenziare come Rocchi e Beretta avessero copiato esattamente lo stesso testo per scusarsi con i propri cittadini

Devono essere scuse davvero sentite quelle dei sindaci di Cologno Monzese e Senago, per pubblicarle modello copia incolla.

ha ironizzato il pentastellato

Chi ha copiato l’altro o l’altra? Si saranno chiamati? Hanno lo stesso social media manager? Si sono rivolti alla stessa ditta di spazzaneve? O, molto più probabile, erano così dispiaciuti per l’incapacità dimostrata nel non saper amministrare il loro territorio, che hanno pensato di “copia-incollare” sul proprio profilo Facebook un comunicato pre-impostato, pronto per essere confezionato su misura e personalizzato solo in alcuni passaggi, arrivato da chissà quale ufficio propaganda del partito. Avete presente i cantanti che salutano il pubblico ripetendo le stesse cose, ma cambiando il nome della città? Ecco.

Il caos neve

Oltre all’ironia sulle scuse social, De Rosa ha voluto anche affrontare l’argomento caos neve e, in particolare, le problematiche che – a suo dire –  a Cologno si sarebbero verificate in maniera più pesante rispetto ad altri Comuni del circondario

Aldilà dell’incompetenza dimostrata per l’occasione, vedremo se ad aver mancato saranno state le ditte che hanno vinto l’appalto, in tal caso attendiamo di sapere come hanno fatto a vincere e le legittime richieste di risarcimento, oppure il piano neve dei Comuni. Quello che più disturba di tutta questa storia, forse anche più dei disagi subiti dalla popolazione, è leggere i commenti dei cittadini sotto questi post. Persone che, sinceramente, ringraziano il loro sindaco per l’ammissione di responsabilità, per il coraggio di riconoscere i propri errori. Ingannati dal fatto che pensano di leggere il messaggio personale e a cuore aperto di un primo cittadino, quando in realtà quello che hanno sotto gli occhi è verosimilmente il copia e incolla di una velina di partito scritta con ogni probabilità da chissà chi e chissà dove.

TORNA ALLA HOME.