Menu
Cerca
Momento storico

L’albergo incompiuto di Italia ’90 sarà abbattuto entro la fine dell’anno

Approvate le linee guida per la demolizione e il recupero dell'ecomostro di Cernusco sul Naviglio

L’albergo incompiuto di Italia ’90 sarà abbattuto entro la fine dell’anno
Politica Martesana, 23 Aprile 2021 ore 11:44

Sarà abbattuto entro la fine dell’anno l’albergo incompiuto di via Melghera a Cernusco sul Naviglio, quello che avrebbe dovuto essere pronto per i mondiali di calcio in Italia del 1990 e che da trent’anni deturpa un intero quartiere.

Demolizione dell’ecomostro entro fine anno

In questi giorni è stata conclusa la fase preliminare con l’approvazione delle linee guida, che sanciscono gli orientamenti già anticipati dopo l’acquisizione dell’area da parte di due operatori cernuschesi.

Ora la palla passa proprio a questi ultimi, che devono presentare i progetti del piano di recupero, che dovranno poi essere vagliati e approvati dagli uffici comunali. Tuttavia il procedere dei lavori lascia pensare che con tutta probabilità l’abbattimento dell’ecomostro avverrà entro la fine del 2021. Un traguardo storico, che è sembrato a lungo un miraggio.

Non tutto sarà raso al suolo

Non tutto sarà però demolito: dei circa attuali 100mila metri cubi edificati dell’ecomostro su un’area di 33.500 metri quadrati, 66mila metri cubi (quelli più a ovest) saranno abbattuti per lasciare spazio a 33mila destinati a residenze e 33mila restituiti a verde, mentre i rimanenti, strutturalmente ancora integri, rimarranno in piedi per diventare, riadattati, una residenza per anziani.

Stiamo per vivere un momento storico per la nostra città – ha dichiarato il sindaco, Ermanno Zacchetti – e sono davvero soddisfatto di poter consegnare la soluzione ad un problema che si trascina da oltre trent’anni, riqualificando un’area e l’intero quartiere che la include, migliorando la qualità di vita delle persone che lo abitano. Abbiamo l’evidenza che la strada che ci porterà all’abbattimento dell’ecomostro appare ora più in discesa“.

Gli ha fatto eco l’assessore all’Urbanistica Paolo Della Cagnoletta

Siamo contenti di aver fatto un passo decisivo verso la soluzione di una brutta pagina dell’urbanistica cernuschese – ha detto – Perché Cernusco si merita solo cose belle. Mi piace pensare che sarà il simbolo di una ripartenza dopo tutte le difficoltà che stiamo vivendo“.