Politica
In Comune

I consiglieri di Per Cambiago e Torrazza si sono dimessi

Maria Nigrone ed Elisabetta De Ambrosi hanno deciso di rinunciare al loro posto tra le fila dell'opposizione.

I consiglieri di Per Cambiago e Torrazza si sono dimessi
Politica Martesana, 22 Dicembre 2022 ore 08:56

Ci saranno dei volti nuovi nel Consiglio comunale di Cambiago. Le consigliere di Per Cambiago e Torrazza, infatti, mercoledì 14 dicembre 2022 hanno presentato le proprie dimissioni.

Maria Nigrone ed Elisabetta De Ambrosi lasciano il parlamentino

Sarà l'intera lista di Per Cambiago e Torrazza a cambiare formazione con il prossimo consiglio Comunale. Ad andarsene, infatti, sono state le due consigliere: la capogruppo Maria Nigrone, che l'anno scorso si era candidata a sindaco, ed Elisabetta De Ambrosi, che aveva ricevuto il numero più alto di preferenze.

Per entrambe, la decisione è stata presa dopo mesi di riflessione e ora si accingono a dire addio alla vita politica.

Per cinque anni ho sempre dato la priorità alla politica. Ho lasciato che avesse la precedenza sulle mia vita personale e professionale. Anche se non è dipeso da me, percepivo la caduta della scorsa Amministrazione come una mia responsabilità. L’unico modo per sdebitarmi era presentarmi come sindaco e portare avanti quello che era rimasto indietro, anche se poi la campagna si è conclusa diversamente.

Queste le parole di Nigrone, che ora si concentrerà sulla carriera e sui progetti sociali che già manda avanti per lavoro. Uno, un bando per organizzare corsi di formazione, orientamento e sportivo, potrebbe coinvolgere anche i giovani di Cambiago.

Anche per De Ambrosi si profila un futuro simile. L'ex consigliera infatti tornerà alla guida del Gruppo genitori Cambiago avanti tutta, col quale ha già in programma alcune iniziative per i giovani.

Il ruolo di consigliere è stato molto frustrante - ha scritto nella sua lettera - Mi ha limitata fortemente nel lavorare con le associazioni del territorio, avrei voluto far parte della commissione scuola, ma non è stato possibile perché si è palesato in più occasioni che non c’è volontà di confrontarsi tra maggioranza e opposizione per il bene comune

Quanto ai nuovi nomi, si parla del desiderio di dare più spazio ai giovani. In base ai risultati elettorali, i due candidati che dopo Nigrone e De Ambrosi avevano ricevuto il numero di precedenze più alto e a cui, se accettassero, spetterebbe un posto in Consiglio sarebbero Mauro Mantegazza e Gabriele Amerio.

Il servizio completo nell'edizione della Gazzetta dell'Adda in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 17 dicembre 2022.

Seguici sui nostri canali