Politica
Politica

Eugenio Comincini non si ricandiderà per il Parlamento

Il senatore ed ex sindaco di Cernusco sul Naviglio ha ufficializzato oggi la sua posizione.

Eugenio Comincini non si ricandiderà per il Parlamento
Politica Martesana, 07 Agosto 2022 ore 11:18

Non ci sarà il nome di Eugenio Comincini, di Cernusco sul Naviglio, sulle schede elettorali del 25 settembre 2022: ha deciso di non ricandidarsi in Parlamento.

Cernusco sul Naviglio, Comincini non si ricandida per il Parlamento

L'annuncio ufficiale è stato condiviso oggi, domenica 7 agosto 2022, attraverso la pagina social del politico cernuschese. E già fioccano i commenti.

"Sebbene il mio nome sia attualmente tra quelli inviati al Pd nazionale per una ricandidatura, ho deciso di interrompere la mia esperienza a Roma - ha scritto Comincini - Ho avuto la straordinaria opportunità di servire il Paese come Senatore della Repubblica e ho cercato di farlo nel miglior modo possibile. È stato un onore, per davvero. Mi sono battuto per portare a casa alcuni risultati che hanno certamente impreziosito il mio impegno in Parlamento, in particolare su autismo e mobilità sostenibile".

Non sono però mancati momenti di scoramento:

"Non lo nego: ho anche vissuto le fatiche della politica, delle sue crisi, le difficoltà del nostro sistema istituzionale, la sofferenza ingenerata da quanti sui social esprimono opinioni senza sapere nulla di te e di quanto stai facendo - ha proseguito - Certo: un prezzo da mettere in conto quando si vive un’esperienza nelle massime istituzioni del Paese. Credo di aver interpretato anche quelle difficoltà nel rispetto del dettato costituzionale: 'con disciplina e onore'.
Il mio impegno politico non si ferma, ovviamente. Perché quando hai il desiderio di migliorare la vita della tua comunità e delle persone, non smetti mai di fare politica".

L'ex sindaco non intende comunque abbandonare la politica:

"Se farla nelle istituzioni o da semplice iscritto, lo deciderò innanzitutto insieme alla mia famiglia. E, ovviamente, insieme alla comunità dem della quale faccio parte. Lo farò mettendo a disposizione l’esperienza maturata in 10 anni da sindaco e in 5 da senatore, le relazioni costruite, i risultati conseguiti.
Nei giorni che ci sono davanti, tuttavia, credo che tutti noi abbiamo il dovere di impegnarci perché le idee e le proposte del Pd possano essere comprese dagli italiani che il 25 settembre saranno chiamati a scegliere per il futuro dell’Italia. Mi batterò il più possibile perché continui ad essere un Paese europeista, attento all’ambiente, ai bisogni dei più fragili, al futuro dei giovani, solidale e civile.
Grazie a quanti hanno camminato con me in questa esperienza. Cambierà il sentiero, ma non il passo e lo spirito con il quale camminare ancora insieme".

Qui l'annuncio ufficiale:

Seguici sui nostri canali