Politica
Il caso

Esposto alla Corte dei conti contro il sindaco, il Pd "isola" i due ribelli

Per la sezione di Cernusco sul Naviglio dei dem i consiglieri afferenti al partito che hanno attaccato il proprio primo cittadino non rappresentano il partito.

Esposto alla Corte dei conti contro il sindaco, il Pd "isola" i due ribelli
Politica Martesana, 29 Maggio 2022 ore 10:33

Hanno parlato a titolo personale. Così il Partito democratico di Cernusco sul Naviglio ha preso posizione rispetto all'imbarazzo di due consiglieri comunali iscritti al partito che si sono uniti ad altri sei nel presentare un esposto alla Corte dei Conti contro il proprio sindaco, Ermanno Zacchetti, espressione dei dem, appunto.

Corto circuito tra i dem di Cernusco

I presentatori dell'esposto sostengono che l'Amministrazione, rinunciando al project financing per la riqualificazione del centro sportivo in maniera, a loro modo di vedere ingiustificata, ha provocato alle casse comunali un danno da circa dieci milioni.

"L'esposto alla Corte dei Conti non è il primo e non sarà nemmeno l’ultimo nel quale vengono avanzate segnalazioni nei confronti di un Comune, sui temi più vari, da parte di consiglieri o di cittadini - ha commentato Zacchetti - Non conoscendo nei dettagli la segnalazione, è ovviamente difficile commentarla in maniera puntuale ora: noi abbiamo la convinzione di aver agito per il bene della città, la Corte dei Conti ci dirà cosa ne pensa. Posso però certamente dire che ci fidiamo molto dei tecnici comunali e che tutti i controlli interni e le verifiche dei consulenti escludono la ricostruzione annunciata dai consiglieri di minoranza.

Abbiamo spiegato lungamente in Commissione e in Consiglio Comunale le ragioni che hanno portato entrambe le parti, con grande rammarico e dopo due anni di sospensione della firma del contratto di project a causa dell’emergenza sanitaria, a non procedere. Possiamo certamente ricordare che la prima motivazione, spesso dimenticata da chi si oppone, è da ricondurre agli impatti del covid su previsioni economico-finanziarie pre-pandemia. Inoltre, la circostanza che un partenariato pubblico-privato tra Comune e operatore sia già in corso per quanto riguarda le strutture ricomprese nel perimetro del centro natatorio, ha indicato di primaria importanza consolidare il suo mantenimento nel tempo: è infatti compito di chi amministra gestire rischi e il project, per definizione, li scarica sulla cittadinanza nel caso in cui le cose non vadano bene in termini di eventuali opere non concluse e canoni non pagati. Basta fare un giro nei centri sportivi intorno a noi.

Nulla vieta, abbiamo detto anche questo, che l'operatore possa ripresentare proposte economicamente meno onerose per tutti e più sostenibili negli scenari completamente cambiati del post covid. Non abbiamo bisogno di bandierine ma di centri sportivi attivi e non è un caso che dalla collaborazione con lo stesso operatore si è giunti ad una soluzione che ci sta permettendo di acquisire progetti per opere più urgenti, primo tra tutti il campo da calcio in sintetico, il cui percorso per consentirne l’inizio dei lavori nei mesi estivi prosegue secondo programma.

Per quanto riguarda l’esposto, la procedura prevede che la Corte, come sempre, valuti la segnalazione; se lo riterrà opportuno, chiederà approfondimenti agli uffici e successivamente deciderà se aprire un procedimento di citazione in giudizio, con tutto il relativo percorso dibattimentale conseguente. Un iter lungo, insomma, che i consiglieri di minoranza hanno voluto aprire dopo tre mesi dall’annuncio dello stop al project e a pochi giorni dalle elezioni comunali. Dispiace constatare che ancora una volta si tenti di intimidire chi lavora, brandendo lo strumento dell'esposto come prova della correttezza delle proprie idee. È una scelta di chi probabilmente ne ha poche e preferisce giocare con strumenti giuridici piuttosto che affrontare un confronto politico”.

La posizione del Pd

Anche il Partito democratico si è fatto sentire.

"Il Partito Democratico di Cernusco, rappresentato dal Segretario cittadino Giuseppe Elli e dal Capogruppo in Consiglio  Daniele Pozzi, esprime la piena concordanza con il comunicato del sindaco e la fiducia che i processi messi in atto dall’Amministrazione e dagli uffici siano stati improntati alla massima correttezza e ispirati solamente al bene della città. Si precisa altresì che i due consiglieri attualmente appartenenti al gruppo consigliare del PD hanno agito a titolo esclusivamente personale".

Il servizio completo nell'edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 28 maggio 2022.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter