Bilancio Peschiera la replica del presidente del Consiglio

Dura replica di Isabella Rosso.

Bilancio Peschiera la replica del presidente del Consiglio
Politica Martesana, 19 Marzo 2018 ore 14:20

Bilancio Peschiera, non si è fatta attendere la replica del presidente del Consiglio comunale Isabella Rosso dopo le dure accuse mosse nei suoi confronti dal centrodestra.

Bilancio Peschiera, la replica del presidente

"L'1marzo  018 si è svolta la Conferenza dei  apigruppo, all’ordine del giorno la proposta di convocazione del Consiglio comunale per mercoledì 14 marzo - ha spiegato in una nota - I punti da trattare sono 14 e sono importanti. I capigruppo di minoranza lamentano la scarsità di tempo sia in relazione alla data del Consiglio che a quella della Commissione che, nel rispetto dei tempi previsti dal regolamento, si dovrà tenere il 6 marzo".

Impegnati per le elezioni

"Alcuni di loro sono impegnati per le elezioni e temono di non aver tempo a sufficienza da dedicare all’analisi del materiale e predisporre eventuali emendamenti che vanno consegnati almeno 5 giorni prima della data del Consiglio - ha proseguito Rosso nel suo racconto -
Chiedono a gran voce di spostare di alcuni giorni la data del Consiglio e propongono il  21 marzo. La seduta finisce senza che sia stata fissata la data".

Il giorno dopo

"La mattina dopo, 2 marzo, sentito il sindaco e accogliendo la richiesta fatta dai capigruppo di minoranza, scrivo a tutti anticipando che il Consiglio  si terrà il  20 marzo - ha proseguito - In questo modo tutti avranno 6 giorni in più per prendere visione del materiale, che viene inviato lo stesso giorno in allegato alla convocazione della commissione bilancio, spostata all’8 marzo. Per il 19 marzo è stata convocata una seconda conferenza dei capigruppo, al fine di poter visionare eventuali emendamenti presentati dalla minoranza, dopo una loro valutazione da parte degli uffici tecnici. Questi i fatti".

Duro attacco

"Trovo inammissibile che si metta in dubbio che il presidente del Consiglio operi senza rispettare il regolamento, e addirittura senza
garantire i diritti delle minoranze. Trovo lesivo nei confronti del ruolo che ricopro che vengano travisati i fatti o che vengano omesse
informazioni insinuando comportamenti non rispettosi del Regolamento. Trovo altresì fuori luogo che nel corso della Commissione Bilancio   alcuni consiglieri si alzino e vadano via perché la data di convocazione del Consiglio non consente loro di analizzare la documentazione quando, proprio a seguito della loro richiesta, è stata spostata di 6 giorni".

Accuse rispedite al mittente

"In ultimo, trovo inconcepibile l’insinuazione che la scelta della data e dell’ora della convocazione  (anticipata rispetto al solito visto il corposo ordine del giorno) siano state scelte dalla sottoscritta  per impedire la partecipazione di un consigliere di minoranza".