Politica

Bilancio Peschiera Borromeo il centrodestra diserterà il Consiglio VIDEO

Durissimo attacco al sindaco e al presidente del parlamentino.

Bilancio Peschiera Borromeo il centrodestra diserterà il Consiglio VIDEO
Politica Martesana, 19 Marzo 2018 ore 09:38

Bilancio Peschiera Borromeo, il centrodestra furioso non si presenterà domani, martedì, al Consiglio comunale.

Bilancio Peschiera Borromeo, il centrodestra diserterà il Consiglio

"Non andremo in Consiglio comunale a discutere il Bilancio per protesta. La maggioranza ha umiliato le istituzioni e il Presidente del Consiglio ha mancato di svolgere il proprio ruolo". Non usa mezzi termini  il segretario cittadino di Forza Italia Mario Orfei.

"Maggioranza arrogante"

"Denunciamo l’arroganza di questa maggioranza – gli fa eco il consigliere comunale di Forza Italia Carla Bruschi - questa è una Amministrazione che ha mortificato le Istituzioni, un’Amministrazione che continua ad umiliare la volontà dei cittadini. Caterina Molinari ha vinto le elezioni con un terzo dei voti quindi noi abbiamo il dovere di manifestare il nostro dissenso. Noi domani non parteciperemo al Consiglio comunale sul bilancio preventivo, non è una cosa che ci piace perché preferiremmo esprimere le nostre valutazioni sui provvedimenti".

Pesanti accuse al presidente del Consiglio

"L'Amministrazione ha deciso di svolgere il Consiglio comunale, dopo tre mesi di inattività, convocandolo per martedì 20 marzo alle  17, senza prima passare dalla Conferenza dei Capigruppo - hanno aggiunto gli azzurri  Questa Amministrazione sa benissimo, fin dall’inizio della legislatura che il nostro capogruppo Luigi Di Palma martedì e giovedì svolge il suo lavoro di medico presso il suo ambulatorio di San Bovio fino a tarda sera ed è impossibilitato a partecipare a qualsiasi assemblea. Ma come l’anno scorso, il presidente del Consiglio, che non rappresenta tutto il Consiglio ha convocato arbitrariamente la data del consiglio comunale in concomitanza con gli orari di ambulatorio del dottor Di Palma. La signora Rosso non svolge il suo mandato  che è quello di ascoltare anche le minoranze».

"Uno schiaffo alle istituzioni"

"Siamo di fronte – commenta Massimo Chiodo, consigliere comunale del Gruppo Misto - alla data di convocazione di un Consiglio comunale, decisa con una telefonata fra un Consigliere comunale e il Presidente di una Commissione consiliare, che a quanto pare si sono messi d’accordo per il 20 marzo alle ore 17. Questo è uno schiaffo alle istituzioni, perché noi il dialogo lo abbiamo continuato a cercare nelle sedi opportune. Non bastava spostare l’approvazione del bilancio di un giorno, o di due giorni o di un mese. Perché proprio l’approccio a questo strumento è sbagliato. Si discute del bilancio in maniera asettica, si discute per numeri e non per progettualità. Arrivare alla fine di questo percorso e discutere solo come allocare i capitoli di spesa e umiliante per il ruolo politico che ricopriamo. Ad un politico di opposizione non può interessare questo mero esercizio contabile. Non hanno creato le prospettive per il futuro. Il passo successivo è quello del narcisismo".

"Sindaco e assessore narcisiste"

"Stiamo vivendo il narcisismo del Sindaco Molinari e dell’Assessore Gatti che non consente alla città sviluppo politico. Per queste motivazioni, la mia decisione è quella di non partecipare al Consiglio comunale di Martedì 20. Sarebbe svilente per la mia attività di consigliere comunale non poter decidere nulla delle sorti di questa città. Non sarebbe corretto nei confronti di questa maggioranza che in maniera del tutto arbitraria ha deciso un percorso che è di chiusura totale al dialogo e alla collaborazione con le forze politiche. Evidentemente hanno un progetto bello e considerevole per il futuro della città e hanno deciso di portarlo e approvarlo da soli. A questo punto  è anche inutile garantire una presenza".