San Sebastiano

Altro che donna al volante... Tre incidenti su quattro provocati da uomini

La Polizia Locale di Cernusco sul Naviglio ha reso noti i dati sull'attività svolta nel 2020.

Altro che donna al volante... Tre incidenti su quattro provocati da uomini
Politica Martesana, 21 Gennaio 2021 ore 15:21

Tre incidenti su quattro provocati da uomini. A confermare, se ancora ce n'era bisogno, la non sussistenza dell'antico adagio per cui sarebbe una donna a costituire un pericolo sono i dati forniti dalla Polizia Locale di Cernusco sul Naviglio.

San Sebastiano

Ieri, mercoledì 20 gennaio 2021, era San Sebastiano, patrono dei vigili. Una ricorrenza che tradizionalmente è l'occasione per snocciolare i dati sull'attività dell'anno precedente. E quest'anno tutte le voci scontano l'impatto con l'emergenza sanitaria e il lockdown.

Incidenti in calo

Nel 2020 sono stati rilevati 79 sinistri contro i 121 del 2019 (nel 2011 erano 218). Il dato di quest’anno risulta essere il più basso di sempre. Merito dei controlli della Polizia Locale e delle modifiche sulla viabilità.

Dei 79 sinistri registrati, 44 sono stati con feriti, 34 senza feriti e nessun mortale. Ancora una volta la Sp121 e la ex ss11 Padana Superiore si confermano essere le due strade con più incidenti registrati (rispettivamente 22 e 11). Seguono via Cavour con 10 incidenti e via Verdi con 9.

Paradossalmente il numero maggiori di incidenti avviene con tempo sereno (62 su su 79). Il giorno della settimana in cui vi sono più sinistri si conferma anche quest’anno il mercoledì (19). I mesi dell’anno in cui si sono registrati più sinistri sono stati luglio, settembre e ottobre (10,10 e 11). La maggior parte delle persone coinvolte è italiana (161 persone su 194 totali).  Quasi tutti sono uomini (75%), un dato cresciuto rispetto al 2018 (65%).

Nel 2020 sono state rilevate 19.840 sanzioni per violazioni del Codice della strada contro le 35.748 dell’anno precedente. Un dato che raccoglie anche quelli relativi alla mobilità ridotta dei veicoli sul territorio comunale a causa dell’emergenza sanitaria e alla chiusura delle scuole.  I punti decurtati dalle patenti dei soggetti sanzionati, sono stati in tutto 1.756, anche in questo caso con una diminuzione del dato per lo stesso motivo esposto sopra.

Protezione civile

Il 2020 è stato anche uno degli anni in cui la Protezione civile ha dato il proprio contributo alla città. "Come Corpo contiamo su 23 volontari, ma in realtà siamo una grande famiglia che quest’anno ha visto allargarsi anche a tante altre associazioni che insieme a noi hanno reso la Protezione civile un gruppo comunitario, coeso e attivo davvero 365 giorni", ha detto il coordinatore Flavio Villa. Le tute gialle sono suddivise in 6 diverse squadre specializzate in ambiti diversi (idrogeologica, logistica, motoseghe, disinfestazione, attività scolastiche, e squadra radio). In totale sono state 8.124 le ore che hanno donato alla città, seimila delle quali dedicate all’attività per l’emergenza sanitaria.

"E' stato un anno particolare"

“Nello svolgimento dei vari compiti che negli anni sono stati via via assegnati e che anche oggi i numeri confermano, l’emergenza che siamo stati chiamati ad affrontare ha sottolineato ancor di più l’aspetto fondamentale che ogni cittadino a mio avviso si attende da chi indossa la divisa - ha commentato il sindaco Ermanno Zacchetti - Quello di essere al fianco delle persone, soprattutto in questo momento in cui scoramento e incertezza possono farsi largo tra la gente e intaccare le relazioni di fiducia reciproca che da sempre hanno caratterizzato Cernusco. La sfida più grande è proprio inserire all’interno degli interessi specifici della comunità locale e delle persone in questo momento storico, la finalità propria attribuita alla Polizia Locale di conservazione e di rispetto dell’ordine giuridico e sociale: un compito difficile, il cui successo non può che passare dall’interpretazione che ne viene data ogni giorno all’interno della vita della città. Ho fiducia nelle donne e negli uomini della nostra Polizia Locale. E i cambiamenti che stiamo affrontando nei volti e nei ruoli all’interno del comando, prima di tutto nella figura del nuovo comandante Massimo Paris a cui va tutto il mio sostegno e ringraziamento, devono essere l’occasione per dare un nuovo slancio a questo impegno, che passa certamente dall’unità d’intenti del gruppo ufficiali e dall’azione di ogni singolo agente”.