L'accusa

“A Peschiera verde e manutenzione non sono una priorità” FOTO

Il presidente del circolo di Fratelli d’Italia traccia un quadro della situazione.

“A Peschiera verde e manutenzione non sono una priorità” FOTO
Martesana, 28 Settembre 2020 ore 18:44

A Peschiera Borromeo, secondo FdI, le aree verdi non sono mai state curate a dovere negli ultimi anni. E’ stato fatto un elenco delle situazioni più critiche.

“A Peschiera non si pensa al verde”

Stefania Accosa, presidente del circolo di Fratelli d’Italia di Peschiera Borromeo, mette sotto accusa l’Amministrazione guidata da Caterina Molinari rea, secondo lei, di non aver mai prestato attenzione alla manutenzione di piante e alberi. “La vicenda di via Galvani è solo la punta dell’iceberg e, anche se ha attirato i riflettori di tv e stampa nazionale, vi sono tanti esempi sul territorio che non fanno altro che evidenziare la nostra preoccupazione sulla gestione del verde. Girando per la città non mancano situazioni che lasciano senza parole. L’amministrazione Molinari ha parlato dei tanti alberi piantumati, ma la realtà è che molti di questi sono già morti, come quelli in via Neruda: nel giro di soli tre anni sono ridotti a steli secchi. Triste ed eguale destino toccherà a molti degli alberi di via Matteotti ai quali sono state recise le radici nel corso di lavori di riqualificazione effettuati in modo scellerato”.

L’elenco delle criticità

Accosa cita diversi punti in cui la situazione è critica. “Parlando di verde un fatto grave è la tenuta dell’area pubblica (ex area feste) tra le scuole di via Carducci e il Laghetto azzurro – ha proseguito il presidente di FdI – Qui il campo incolto è letteralmente invaso dall’ambrosia. Causa rinite, congiuntivite, asma, fino ad attacchi respiratori che nei fisici delicati possono risultare devastanti e con un’ordinanza di Regione Lombardia ai Comuni vengono date le disposizioni da adottare contro la sua diffusione. Lo sfalcio però in quest’area a due passi dalle scuole non è stato effettuato. Spostandosi a San Bovio troviamo invece quello che dovrebbe costituire un’attrattiva del territorio, vista la sua rarità, ovvero il fontanile Gambarone. È un vero monumento naturale e storico di Peschiera Borromeo, menzionato già nel 1011. Nel giro di pochi anni è mutato notevolmente, trasformandosi da locus amoenus con le sponde di facile raggiungimento a bosco inaccessibile con alberi caduti. In quanto ecosistema semi-naturale deve essere curato dall’uomo: l’abbondante vegetazione acquatica farebbe evolvere infatti il fontanile verso lo stadio di palude. Come sempre ritorna la parola chiave: manutenzione. Sconosciuta a questa Amministrazione e la cui mancanza è sotto gli occhi di tutti”.

4 foto Sfoglia la gallery

 

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia