Cronaca

Targa Craxi sfregiata, la figlia Stefania: "La Polizia indaghi"

La senatrice di Forza Italia censura l'atto vandalico nei confronti del cartello all'ingresso della via intitolata al leader socialista

Targa Craxi sfregiata, la figlia Stefania: "La Polizia indaghi"
Cronaca Sesto, 01 Giugno 2018 ore 15:12

"Atti inqualificabili a cui va posto argine. Sono fiduciosa che le forze dell’ordine vorranno indagare e consegnare alla giustizia al più presto questi delinquenti". Così Stefania Craxi ha commentato l'ennesimo attacco vandalico compiuto a Sesto San Giovanni nei confronti della targa all'ingresso della via dedicata al padre, Bettino Craxi.

Tre atti vandalici in pochi mesi

Da quando, a gennaio, la strada è stata intitolata dalla Giunta al leader socialista ci sono stati tre atti vandalici nei confronti del cartello. Prima è stato oscurato, poi è stato rubato e ieri, giovedì, è stato sfregiato con vernice spray di colore rosso. Un gesto che ha mandato su tutte le furie il presidente del Circolo Bettino Craxi di Sesto San Giovanni, Paolo Vino.

La censura della senatrice Craxi

stefania craxi figlia Bettino
Stefania Craxi, senatrice di Forza Italia

E proprio il presidente Vino ha diramato il commento sul caso fatto dalla senatrice Stefania Craxi. "I gesti di inciviltà e di barbarie che si protraggono a Sesto San Giovanni a via Bettino Craxi non meritano commenti di sorta e configurano un reato che provoca nocumento alla stessa comunità". Ha detto la senatrice di Forza Italia. "Le scelte come quelle compiute dall’Amministrazione di Sesto che hanno inteso meritoriamente e  anche con coraggio tributare un omaggio ad un leader politico ed a un Presidente del Consiglio che iniziò il suo cammino da questa cittadina, possono anche essere oggetto di dissenso, ma pur sempre nella civiltà dei linguaggi, nelle forme, nei modi e nelle sedi opportune. L’imbarbarimento della vita istituzionale, la retorica da bar sport e gli attacchi strumentali portati anche sul terreno della storia, sono la mano che arma questi tempisti. Spero che, senza sé e senza ma, tutte le forze politiche, nessuna esclusa, abbiano il coraggio di prendere le distanze e condannare tout court simili accadimenti. Altrimenti, non sarebbero altro che corresponsabili".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter