Curioso

La tomba di un parente diventa la casella della posta: il Comune le recapita lì la corrispondenza

La proprietaria delle cento vacche sotto sfratto passate agli onori delle cronache lo scorso anno, si infuria per le modalità di consegna della corrispondenza a Cassina de' Pecchi..

La tomba di un parente diventa la casella della posta: il Comune le recapita lì la corrispondenza
Cronaca Martesana, 12 Settembre 2020 ore 10:45

La tomba di un parente utilizzata come "casella delle lettere". Mariangela Cassi è furiosa con il Comune di Cassina de' Pecchi per l'originale modo di recapitarle un avviso, che comunque era inerente i lumini .

Le vacche sotto sfratto

I Cassi sono quelli che avevano un'azienda agricola a Cascina Moretti a Sant'Agata e che si opponevano allo sfratto esecutivo imposto dall'ufficiale giudiziario dopo una ventennale battaglia giudiziaria. E aveva suscitato clamore il fatto che a essere sotto sfratto erano anche le cento vacche da latte di loro proprietà che allevavano. Ora che l'allontanamento è stato eseguito non vivono più lì e così la missiva è stata lasciata sul sepolcro. Una scelta che la donna non ha per nulla apprezzato.

Nella Gazzetta della Martesana

Tutti i dettagli nell'edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 12 settembre 2020.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.