Menu
Cerca
violazione al dpcm

In tredici al bar per l’aperitivo: locale chiuso dai Carabinieri

Sanzionato un bar a Pessano con Bornago.

In tredici al bar per l’aperitivo: locale chiuso dai Carabinieri
Cronaca Martesana, 15 Gennaio 2021 ore 13:19

Tredici ragazzi seduti al bar per l’aperitivo, in piena violazione dei decreti anti-contagio. E per il locale scatta la chiusura. E’ successo ieri pomeriggio, giovedì 14 gennaio 2021, a Pessano con Bornago.

In tredici al bar per l’aperitivo

Alle  18.15 a Pessano con Bornago  i Carabinieri della Stazione di Carugate hanno proceduto alla sospensione provvisoria dell’attività del 3Bar’s di via Vassallo per la durata di 5 giorni (fuori dal locale compare infatti un cartello con la scritta “riapriamo il 20 gennaio”) ai sensi del Decreto Legge n. 19 del 25 marzo 2020, sanzionando il titolare, 24enne di origini cinesi, per la violazione del divieto di somministrazione di alimenti all’interno dell’esercizio.

L’attività è scaturita dopo che un militare,  libero dal servizio, ha notato all’esterno del locale la presenza di due clienti intenti a consumare una birra e dirigersi nella sala retrostante, chiedendo quindi l’intervento in ausilio della pattuglia della Stazione di Carugate, impegnata in uno specifico servizio di ordine pubblico per la verifica delle disposizioni normative sul “Covid-19”.

Il sopralluogo

Durante il sopralluogo i militari hanno accertato, in una sala posteriore, la presenza di 13 ragazzi, di cui 4 residenti in altri Comuni, intenti a consumare l’aperitivo seduti al tavolo senza, tra l’altro, le previste distanze interpersonali. Per tutti è stata elevata la sanzione amministrativa per la violazione del divieto di assembramento e  il mancato utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie e inoltre, per i 4 avventori provenienti da altri Comuni, l’ulteriore sanzione prevista dal D.L. n.1 del 5 gennaio 2021 per gli spostamenti non consentiti nelle  “zone arancioni”.

Numerosi servizi sul territorio

Anche nell’ultimo periodo di emergenza, così come nel corso della prima ondata, i Carabinieri sono stati impegnati su tutto il territorio della Provincia di Milano per garantire il rispetto da parte di tutti i cittadini delle misure anti -Covid. Numerosi sono stati quindi i controlli e gli interventi che hanno portato a contestare numerose infrazioni a privati cittadini o gestori di esercizi pubblici. Sono infatti, sono state sanzionate 194 persone, sorprese durante feste private organizzate in abitazione o trovate al di fuori degli orari di apertura previsti dai decreti o senza che fossero rispettate le norme sul distanziamento, all’interno di 13 esercizi pubblici che sono stati quindi temporaneamente chiusi.

Tra questi possiamo citare l’intervento dei Carabinieri la notte di Halloween in via Niccolini a Milano ove, all’interno di un appartamento affittato dagli organizzatori, vi erano 20 giovani tutti tra i 18 ed i 20 anni che, sprovvisti di mascherine, occupavano i diversi locali dell’abitazione ascoltando musica ad alto volume e consumando alcolici ed inoltre la chiusura temporanea di un salone di bellezza sito a Milano e di un bar di Vignate, all’interno dei quali vi erano numerose persone, nessuna delle quali munita dei previsti dispositivi di protezione individuale.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli