Menu
Cerca
Il caso

In tilt il sistema di convocazione dei vaccini: “Mia madre a Cassano avvisata alle 8.16 per essere alle 8.24 ad Antegnate”

L'episodio è accaduto venerdì 19 marzo 2021 a un'anziana over 80 residente a Cassano d'Adda.

In tilt il sistema di convocazione dei vaccini: “Mia madre a Cassano avvisata alle 8.16 per essere alle 8.24 ad Antegnate”
Cronaca Cassanese, 19 Marzo 2021 ore 18:41

Il sistema di prenotazione e convocazione per i vaccini della Regione Lombardia, denominato Aria è andato in tilt. Oggi, venerdì 19 marzo 2021 alle 8.16 sul cellulare un’anziana over 80 di Cassano d’Adda è comparso un messaggio che diceva di recarsi al Centro vaccinale di Antegnate per le 8.24.

 Disservizi nel sistema di convocazione dei vaccini per gli Over 80

Disservizio nel sistema di prenotazione e convocazione per i vaccini agli over ottanta. Oggi, venerdì, un’anziana residente a Cassano d’Adda ha ricevuto il messaggio di convocazione su suo cellulare alle 8.16 sul quale era scritto che doveva presentarsi al Centro prelievi di Antegnate alle 8.24. In pratica avrebbe dovuto compiere un tragitto di soli otto minuti per arrivare puntuale e ricevere il siero, quando abitualmente in auto per percorrere il tratto normalmente se ne impiegano 24. L’episodio è stato segnalato dalla figlia Cristina Magni. Per fortuna i famigliari dell’anziana non si sono persi d’animo e l’hanno comunque portata ad Antegnate.

Nonostante le code e il disagio alla fine il vaccino è stato somministrato

Una volta sul posto si sono creati assembramenti fra gli utenti in coda, sempre a causa del guasto nel sistema, che aveva concentrato le visite. Un episodio avvenuto anche nei giorni scorsi nei centri vaccinali di Melzo e di Trezzo sull’Adda. Alla fine l’anziana ultra ottantenne è riuscita a ricevere la prima dose di siero Pfizer alle 10.30. Disagio simile anche al padre dell’assessore ai Servizi Sociali di Cassano d’Adda Arianna Moreschi. L’assessore ha ricevuto il messaggio di avviso sul cellulare il giorno precedente, nel cuore della notte. Ha quindi potuto avvisare prontamente i suoi cari che il giorno successivo l’hanno portato ad Antegnate.

“Se avessi letto il messaggio in ritardo o se mio padre non avesse avuto a disposizione qualcuno che poteva trasportarlo, cosa avrebbe fatto? A mio parere ci voleva almeno un giorno di preavviso e non poche ore”

Così l’assessore si è sfogata sul suo profilo social per il disagio causato dal sistema di prenotazione e convocazione della Regione. Ad Antegnate gli è stato spiegato che si sono sommati i richiami ai nuovi vaccini. L’assessore ha accompagnato suo padre all’1.20 ed è tornata a casa alle 16.30 a causa della sovrapposizione degli orari con i medici e gli infermieri che hanno fatto il possibile per somministrare il siero agli utenti.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli