Cronaca
Pantigliate

Crisi di maggioranza a Pantigliate sul futuro dell'Acquapark

L'ex sindaco Claudio Veneziano si è dissociato dalle scelte della Giunta.

Crisi di maggioranza a Pantigliate sul futuro dell'Acquapark
Cronaca Melzese, 18 Aprile 2020 ore 12:04

Crisi di maggioranza sul futuro dell'Acquapark di Pantigliate. L'ultima delibera ha creato malumori e l'ex primo cittadino ne ha preso pubblicamente le distanze.

Crisi di maggioranza sull'Acquapark

Tensioni in maggioranza sul futuro dell’ex Acquapark di Pantigliate. L’ex sindaco Claudio Veneziano ha preso pubblicamente le distanze dalle decisioni prese dalla Giunta guidata da Franco Abate. Sotto accusa una delibera sugli atti di indirizzo per le nuove procedure relative all’impianto sportivo di via Marconi e aree limitrofe. E proprio queste ultime due parole hanno fatto scatenare l’ira del consigliere di maggioranza. "La nostra lista Società & Ambiente è nata un decennio fa per contrastare possibili costruzioni sul campo da calcio - ha spiegato - Lo scorso anno siamo stati riconfermati alla guida del paese perché abbiamo sempre portato avanti la promessa di non consumare suolo. Poi, guardando l’albo pretorio, ho visto la delibera che parla di aree limitrofe. Questo apre la possibilità di non riferirsi solo alla zona dell’Acquapark e del palazzetto di 30mila metri quadrati, ma anche ai campi vicini. E io non sono assolutamente d’accordo, è uno schiaffo in faccia ai cittadini".

Tutti i dettagli e l'intervista completa dell'ex borgomastro nonché attuale consigliere di maggioranza sul numero della Gazzetta della Martesana in edicola e online da sabato 18 aprile 2020.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter