Cronaca

Presidio dei centri sociali contro gli sgomberi degli abusivi dalle case popolari

"Siamo tutti Robin Hood", hanno ripetuto davanti al Tribunale.

Presidio dei centri sociali contro gli sgomberi degli abusivi dalle case popolari
Cronaca Martesana, 01 Febbraio 2019 ore 17:52

Presidio dei centri sociali contro gli sgomberi degli abusivi dalle case popolari. "Siamo tutti Robin Hood", hanno ripetuto davanti al Tribunale.

Centri sociali contro gli sgomberi

Stamattina, venerdì 1 febbraio 2019, i centri sociali hanno protestato davanti al Tribunale di Milano contro l'operazione Domus Libera, condotta dai carabinieri e che aveva portato all'arresto di nove persone che da anni occupavano abusivamente le case popolari di Milano. Tra di loro anche un segratese e un colognese, accusati insieme alle altre persone di aver creato un vero e proprio racket. Nel corso del presidio hanno utilizzato lo slogan "Siamo tutti Robin Hood, liberi tutti". Un'iniziativa stigmatizzata dall'assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato.

"Siamo tutti Robin hood"

"È paradossale lo slogan con cui alcuni attivisti dei centri sociali hanno manifestato davanti al Palazzo di Giustizia per protestare contro l'operazione - ha detto - Si tratta di persone con Robin Hood hanno ben poco a che fare. Assegnavano case occupate abusivamente in cambio di soldi e, cosa altrettanto grave, privavano di un alloggio altre famiglie in difficoltà ed in graduatoria comunale in attesa di assegnazione da 30 anni. Credo che debbano provare vergogna, così come vergognosa è stata la manifestazione odierna".

"Non si tratta di benefattori"

"La stessa Procura ha scritto che 'non si tratta di benefattori della comunità impegnati in un'opera di aiuto sociale, perchè a pagare il prezzo più caro erano i poveri assegnatari legittimi che non erano utili ai progetti del gruppo - ha affermato De Corato -. Le vere vittime sono i 25mila milanesi da anni in attesa della regolare assegnazione di un alloggio popolare e sistematicamente dimenticati dal Comune di Milano, in favore dei 5.000 abusivi".

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE. 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter