cronaca

Caporalato: chiesto il processo per il fondatore di StraBerry

Richiesto il rinvio a giudizio per Guglielmo Stagno d'Alcontres, la madre e due impiegati della strat up di Cassina de' Pecchi.

Caporalato: chiesto il processo per il fondatore di StraBerry
Cronaca Martesana, 27 Agosto 2021 ore 08:51

Caporalato su oltre settanta lavoratori impiegati nella raccolta delle fragole nella start up a chilometro zero di Cassina de' Pecchi. La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per Guglielmo Stagno d'Alcontres, 33enne   fondatore di StraBerry.

Caso StraBerry, chiesto il rinvio a giudizio

L'azienda, operativa sui terreni di Cascina Pirola a Cassina De' Pecchi, era finita al centro di un'operazione della Guardia di Finanza ad agosto del 2020. Le Fiamme gialle avevano scoperto lo sfruttamento che avveniva per la coltivazione di fragole, mirtilli, lamponi e more.

Caporalato in Martesana: cento lavoratori nei campi 9 ore al giorno per 4,5 euro all'ora a raccogliere fragole. Interviene la Finanza VIDEO

La richiesta di processo, firmata dal pm Grazia Colacicco, riguarda anche altre tre persone, tra cui la madre del giovane imprenditore, e in più, per la responsabilità amministrativa degli enti, anche la Società agricola Cascina Pirola Srl.

I passi successivi

Nell'inchiesta, con al centro il reato di sfruttamento del lavoro, l'azienda era stata sequestrata nell'agosto dello scorso anno. Stando all'imputazione, l'imprenditore, sua madre e altri due imputati avrebbero sottoposto dal 2018 in poi 73 lavoratori  stranieri a "condizioni di sfruttamento, approfittando del loro stato di bisogno" e minacciandoli. Erano pagati 4 euro all'ora, con turni massacranti, e sottoposti a insulti e minacce.

L'azienda era poi stata affidata a due amministratori per riprendere la produzione. A febbraio 2021 era stata dissequestrata, ma il provvedimento era stato revocato all'inizio di agosto. Ora si andrà in Tribunale.