Menu
Cerca
Emergenza Coronavirus

Anziani senza prenotazione, Centro vaccinale preso d’assalto: “Lo ha detto la Moratti”

Problemi all'hub allestito alla Vecchia filanda di Cernusco sul Naviglio. L'assessore perde la pazienza: "Adesso basta".

Anziani senza prenotazione, Centro vaccinale preso d’assalto: “Lo ha detto la Moratti”
Cronaca Martesana, 07 Aprile 2021 ore 13:01

Si sono ammassati chiedendo di essere vaccinati, anche se non avevano la prenotazione. E così il centro vaccinale allestito alla Vecchia Filanda di Cernusco sul Naviglio in funzione da sabato 2 aprile 2021 ha rischiato di andare già in tilt. Così l’assessore ai Servizi sociali Daniele Restelli ha perso la pazienza.

L’assessore si è infuriato con Regione Lombardia

Come da pronostico, purtroppo, questa mattina (mercoledì 7 aprile 2021, ndr) alle 10 avevamo già quasi 50 persone con più di 80 anni che si sono presentate al centro vaccinale della Vecchia Filanda chiedendo di essere vaccinate perché l’ha detto la Moratti – ha scritto Restelli infuriato in un post – Ora vorrei che venissero Letizia Moratti o il presidente Attilio Fontana a spiegare a queste persone che nessuno ha dato indicazioni chiare su come gestire la situazione. Ma loro non verranno e, come è capitato durante questi lunghissimi mesi di emergenza sanitaria, saranno le persone presenti sul territorio a doversi inventare come risolvere l’ennesimo problema. Saranno gli uomini e le donne della nostra protezione civile (e delle tante associazioni cittadine che si sono rese disponibili) a dover calmare gli animi, a spiegare con pazienza che stiamo cercando di capire come gestire questa situazione. Saranno loro ma non è giusto, io vorrei che ogni tanto chi sta ai vertici di organizzazioni complesse, come la Regione, ragionasse prima di parlare. Ci auguriamo che nel corso della giornata arrivino indicazioni chiare, per il rispetto degli anziani, prima di tutto, e dei volontari che stanno prestando il loro tempo per l’interesse di tutti“.

Il problema è duplice: anzitutto l’Asst, l’azienda socio sanitaria territoriale, ha dovuto richiedere un “ricarico di vaccini”, in quanto, non avendo ricevuto indicazioni in merito, aveva rifornito il centro solo per le dosi previste per la giornata.

Inoltre i volontari delle sei associazioni cernuschesi, coordinate dalla Protezione civile, impegnati per gestire l’afflusso dei pazienti hanno dovuto fare i salti mortali per garantire l’assistenza anche alle persone in soprannumero (alla fine diventate un centinaio), cercando di occuparsi anche di loro senza che si creassero assembramenti. La maggior parte è stata rimandata a casa, visto anche il forte vento e l’attesa che avrebbero dovuto sostenere. In giornata qualche decina di loro sarà richiamata in base alle dosi aggiuntive che saranno portare al centro.

Il messaggio incriminato

Questo stato il messaggio incriminato twittato la vigilia di Pasqua della vicepresidente e assessora regionale al Welfare, Letizia Moratti.

Il guaio informatico

Quando si dice piove sul bagnato. Nel pomeriggio, poi, non sono mancati i problemi “tecnici”. Un guasto al wi-fi ha bloccato le registrazioni per un paio d’ore. Così gli anziani che erano stati rimandati a casa al mattino e poi richiamati hanno dovuto attendere pazientemente all’esterno.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli