Cronaca

Antimafia in azione altri tre arresti a Pioltello

In manette è finito Manuel Manno, cugino di Roberto, già noto per essere parte del clan 'ndranghetista di Pioltello.

Antimafia in azione altri tre arresti a Pioltello
Cronaca Martesana, 29 Novembre 2017 ore 08:28

Antimafia in azione lunedì mattina tra Pioltello e Cernusco. Sono finiti in manette altri tre uomini dopo il decreto di fermo emesso dal sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Milano. Tra di loro c'è anche Manuel Manno (PER SAPERNE DI PIU').

L'antimafia torna a colpire

Dopo l'arresto di Roberto Manno, accusato di vari reati tra cui l'essere l'autore dell'esplosione in un condominio di Limito (LEGGI L'ARTICOLO), la Dda è tornata a colpire. Il sostituto procuratore Paolo Storari, infatti, ha dato il via libera  per procedere con il fermo e la custodia cautelare per il cugino di Roberto, Manuel, e per altri due uomini. I tre sarebbero accusati di usura.

Il fatto contestato

Secondo la Procura il terzetto si sarebbe reso protagonista di un atto di usura nei confronti di un uomo, costretto a ripianare un debito di 3mila euro, prestito concesso nell'agosto del 2016, con interessi esorbitanti. Fino a estinzione del debito, infatti, l'uomo, un ecuadoregno 32enne residente a Pioltello, era costretto a versare 400 euro mensili di interessi cui si aggiungevano 50 euro per ogni giorno di ritardo. Quando la vittima non è più riuscita a pagare il dovuto, i tre avrebbero fatto ricorso alla forza e all'intimidazione. Uno in particolare l'evento finito nel mirino degli inquirenti, avvenuto in piazza Garibaldi a ottobre. La vittima era stata caricata su un veicolo, dove aveva subito botte e sevizie.

Un biglietto per Bangkok

Il fermo è stato portato a termine in quanto Manuel Manno, già noto alle forze dell'ordine per i precedenti legati all'Operazione Infinito contro l'ndrangheta in Lombardia, aveva acquistato un biglietto per Bangkok. Il rischio di fuga ha dunque convinto il procuratore a richiedere il fermo. Attualmente i tre uomini si trovano in carcere.

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter