Attualità
Comune e lavoro

Il Comune di Pioltello apre all'incontro con le lavoratrici di Futura: "Auspichiamo miglioramenti economici"

I Sial Cobas hanno sottolineato la necessità di un miglior trattamento economico per le educatrici degli asili nido e dei servizi per la prima infanzia.

Il Comune di Pioltello apre all'incontro con le lavoratrici di Futura: "Auspichiamo miglioramenti economici"
Attualità Martesana, 23 Dicembre 2022 ore 09:22

Un incontro tra le parti per discutere delle cause che hanno portato all'agitazione delle lavoratrici di Azienda Futura a Pioltello. L'inizio del nuovo anno porterà in dote il faccia a faccia che ancora non c'è stato tra Amministrazione comunale, dirigenza dell'azienda speciale consortile e dipendenti sul piede di guerra sostenute dal sindacato Sial - Cobas.

Il Comune pronto all'incontro

Mercoledì sera, durante il Consiglio comunale, uno dei punti all'ordine del giorno era inerente il bilancio di Azienda Futura, la società consortile che ha in gestione buona parte dei Servizi alla persona del Comune di Pioltello, socio unico cui affida diversi servizi. Tra cui, per esempio, la gestione degli asili nido. E proprio dalle educatrici è partita la protesta che si è sviluppata il 2 dicembre con una manifestazione e corteo che da via Alla Stazione ha raggiunto il Municipio di piazza dei Popoli. Uno sciopero voluto per sottolineare le difficoltà delle operatrici, che rivendicano più diritti e soprattutto un trattamento salariale migliore.

Per questo hanno chiesto un incontro all'Amministrazione, faccia a faccia che finalmente è stato calendarizzato per le prime settimane di gennaio.

Lavoratrici Futura: "Migliori condizioni economiche"

Alle dichiarazioni della sindaca Ivonne Cosciotti  e dell’assessore Ai Servizi sociali Mirko Dichio che si sono resi disponibili all’incontro dovrebbe seguire una disponibilità concreta a miglioramenti economici, normativi e di verifica degli organici.

ha commentato il referente sindacale di Sial Cobas Angelo Pedrini a margine del Consiglio comunale in cui è stato approvato il piano triennale di Azienda Futura

Sostenere che si applica il contratto nazionale (Aninsei uno dei più bassi), che chi ha scelto di farsi assumere sapeva le condizioni e che c’è un accordo si secondo livello (fermo al 2011) non è rispondere alle richieste delle lavoratrici e dei lavoratori. Avremo modo di dimostrare che salari bassi, fermi da anni non sono un buon modo di gestire e che ciò pregiudica qualità e stabilità dei servizi. Non è il futuro che vogliamo. Possiamo e dobbiamo aspettarci novità positive per lavoratrici e per i servizi.

Seguici sui nostri canali