Attualità
commento

Case di comunità inaugurate a Cassano e Gorgonzola, per il Coordinamento per il diritto alla salute non ci sono stati veri cambiamenti

Secondo il gruppo "Vuote erano ieri, vuote rimangono oggi, di personale e di progetto"

Case di comunità inaugurate a Cassano e Gorgonzola, per il Coordinamento per il diritto alla salute non ci sono stati veri cambiamenti
Attualità Cassanese, 22 Dicembre 2022 ore 15:53

Ieri, mercoledì 21 dicembre 2022, sono state inaugurate le Case di comunità a Peschiera, Gorgonzola e Cassano d'Adda. Ma per il Coordinamento per il diritto alla salute Melegnano Martesana si è trattato solo di una passerella.

Taglio del nastro a Gorgonzola e Cassano, ma per qualcuno non ci sono garanzie per la sanità pubblica

Non si è fatto attendere il commento del Coordinamento per il diritto alla salute Melegnano Martesana dopo le inaugurazioni delle Case di comunità avvenute ieri, mercoledì 21 dicembre 2022, a Peschiera, Gorgonzola e Cassano d'Adda.

Sono state inaugurate tre Case della comunità nella nostra Asst a Gorgonzola, a Cassano d'Adda e a Peschiera, con tutta la retorica della sfilata di autorità che illustrano la bellezza dei progetti e con la valenza ambigua di iniziative fatte alle soglie di una campagna elettorale per il governo della Lombardia, in un sistema sanitario in crisi che nasconde le sue carenze sotto il tappeto rosso delle inaugurazioni. Ma di che cosa dovrebbero rallegrarsi i cittadini e le cittadine? Piuttosto cresce la preoccupazione e la delusione

Le critiche

Il gruppo ha elencato ciò che non va:

Tutti comprendono che queste strutture inaugurate sono semplici cambi di nome ma non sono le Case di comunità che la normativa prevedeva. Vuote erano ieri, vuote rimangono oggi, di personale e di progetto. Manca poi il coinvolgimento della cittadinanza e della comunità territoriale (associazionismo e Terzo settore, comitati di cittadini) che pure è previsto , di un pezzo importante di chi dovrebbe lavorarci, in particolare di chi dovrebbe garantire le cure primarie, medici di base e pediatri, infermieri di famiglia. Inoltre, sfuggono i criteri con cui sono state programmate e organizzate le Case della comunità, non certo a partire della analisi del reale bisogno di salute del territorio.

Il Coordinamento per il diritto alla salute Melegnano Martesana ha condannato l'atteggiamento degli enti:

Le informazioni date sono incomplete e reticenti. La pervicacia con cui gli amministratori e i dirigenti della Asst Melegnano Martesana ignorano le nostre richieste di in incontro e le nostre denunce su gravi punti di disfunzioni della sanità ci spingono a essere più rigorosi, più insistenti, più puntuali nella diffusione delle notizie e nella controinformazione, prima tappe della mobilitazione democratica e popolare

Seguici sui nostri canali