Il caso

Altro che discarica: costretti a buttare i rifiuti... in mezzo alla piazza di Melzo

Dopo 4 anni che espongono rifiuti nello stesso posto sono stati sanzionati dalla Polizia Locale. La soluzione proposta, però, è peggio di prima.

Altro che discarica: costretti a buttare  i rifiuti... in mezzo alla piazza di Melzo
Attualità Melzese, 28 Giugno 2021 ore 11:30

Ha del paradossale quanto sta accadendo al bar Morsi e sorsi di via Sant'Antonio a Melzo, costretto a esporre i rifiuti in mezzo alla piazza, a pochi metri dal Palazzo comunale.

Una discarica in centro "autorizzata"

La vicenda nasca a seguito della seconda contravvenzione ricevuta dalla titolare Donatella Baldelli per non aver posizionato correttamente i sacchi dell'immondizia. Quel luogo in cui per quattro anni ha esposto i rifiuti, infatti, ora non va più bene. A seguito di alcune segnalazioni gli agenti della Polizia Locale di Melzo hanno effettuato un controllo constatando l'irregolarità e presentando la sanzione.

L’agente mi ha detto che avevano ricevuto una segnalazione e che quindi dovevano procedere con la sanzione. Ho chiesto loro dove esporli e mi hanno detto di posizionarli dall’altro lato del civico 1 di via Sant'Antonio, oppure in piazza.

Una questione di decoro

Dall'altro lato del civico, però, si trova un passo carrabile con l'accesso al corsello dei box del condominio limitrofo. Vista la quantità di rifiuti che un bar produce in una settimana, il rischio sarebbe di ostruire l'accesso creando un danno a tutti coloro che abitano nel palazzo, ma anche ai pedoni che sarebbero costretti a fare lo slalom tra i sacchi.

Di conseguenza martedì sera hanno posizionato i rifiuti in piazza e il risultato non è passato inosservato. Una piccola discarica a pochi metri dall'ingresso del Municipio e, peggio ancora, proprio di fianco ai tavoli dove le persone fanno colazione. Considerando che gli operatori Cem devono girare più punti della città per raccogliere i rifiuti, i bidoni sono rimasti al loro posto sino alle 10 di mercoledì. Uno spettacolo tutt'altro che decoroso.

Abbiamo chiesto un incontro in Comune per trovare una soluzione, ma al momento ancora non ci hanno risposto.  La situazione attuale non è tollerabile. Forse sarebbe il caso di ripristinare il precedente punto di raccolta rifiuti, considerando che per 4 anni lo abbiamo utilizzato senza che nessuno ci dicesse nulla.

ha concluso la titolare.