Eventi
la decisione

Il Salone del Mobile Milano 2021 slitta a settembre

La sessantesima edizione non sarà ad aprile, come da tradizione.

Il Salone del Mobile Milano 2021 slitta a settembre
Eventi 27 Novembre 2020 ore 07:34

L’annuncio della data arriva dopo lunghe e articolate riflessioni che hanno visto coinvolti i vertici del Salone del Mobile e Fiera Milano nel delicato compito di valutare le migliori soluzioni possibili per confermare il Salone del Mobile Milano 2021 e, allo stesso tempo, garantire sicurezza alla luce del perdurare della crisi sanitaria. La sessantesima edizione del Salone si terrà, dunque, nel 2021, non come tradizione ad aprile, ma dal 5 al 10 settembre.

Il Salone del Mobile Milano 2021 slitta a settembre

A parlare è il presidente del Salone del Mobile, Claudio Luti.

“Poter realizzare il Salone il prossimo anno è priorità assoluta per tutti noi che viviamo di design. Abbiamo lavorato con molta cautela in queste settimane per evitare di fare proclami o annunci che dovessero poi essere smentiti o rivisti alla luce di nuove evoluzioni. Spostare la data del Salone del Mobile non è un semplice esercizio di calendarizzazione, ma deve tener conto dei molti giorni necessari per allestire e disallestire i diversi padiglioni e questo, a sua volta, deve coincidere con le esigenze di molte altre manifestazioni che utilizzano gli spazi di Fiera Milano. Oggi, dopo aver raggiunto la miglior soluzione possibile grazie alla collaborazione di Fiera Milano, possiamo confermare la nuova data. Confidiamo che lo slittamento a settembre possa lasciare i giusti tempi per superare la fase ancora acuta della pandemia e rappresentare davvero una ripartenza reale a livello globale. Abbiamo tutti bisogno del Salone a Milano. I clienti e i designer di tutto il mondo, così come la stampa che ci segue a livello internazionale, ci hanno chiesto insistentemente in questi mesi risposte sulla conferma dell’edizione. Ci saremo e saremo ancora più belli e motivati come motivate sono le imprese che stanno lavorando per progettare e produrre le migliori proposte possibili. Dopo un così lungo tempo di distanziamento fisico e sociale in ogni ambito, vorremmo poter pensare al Salone dell’incontro e del confronto reale e poter tornare a emozionarci insieme con una città animata di nuovi propositi”.

L’edizione numero 60 riunirà per la prima volta tutte le categorie merceologiche, rappresentando un momento speciale.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE