Sport
Torneo Giovanile

Torneo della Befana di Truccazzano, Gnagni: «La gioia espressa dai bambini in campo ci ripaga da ogni sforzo organizzativo compiuto»

Sergio Gnagni, uno degli organizzatori del torneo della Befana di Truccazzano, puó solo che essere soddisfatto dell'evento: piú di 300 bambini partecipanti e 32 squadre partecipanti

Torneo della Befana di Truccazzano, Gnagni: «La gioia espressa dai bambini in campo ci ripaga da ogni sforzo organizzativo compiuto»
Sport Cassanese, 14 Gennaio 2023 ore 13:17

La Befana Rosso Blu è tornata alla ribalta, ed il successo, di partecipazione e di organizzazione è stato fragoroso. Merito della dirigenza dell’Atletico AT, la associazione sportiva nata da pochi mesi dopo l’unione delle forze decisa da Albignano e Sporting TLC Truccazzano.

Gnagni elogia lo staff...

La dirigenza del neonato club e una affidabilissima squadra di volontari si è così messa alacremente al lavoro affinché tutto filasse liscio alla ventunesima edizione di un torneo che ha avuto grande riscontro: «Alla fine - commenta Sergio Gnagni, uno dei principali fautori dell’evento giovanile - abbiamo fatto giocare oltre trecento bambini della fascia d’età compresa tra il 2012 e il 2017. Le trentadue squadre al via hanno dato vita ad una cinquantina di avvincenti sfide».

Numeri importanti nonostante la societá sia una matricola

Numeri decisamente rilevanti, quindi, per il torneo organizzato dalla “matricola” del territorio. Già in passato, la “Befana” di Truccazzano era diventata un appuntamento fisso per tante società della Martesana, dell’Adda ma anche provenienti da altre province: «È stata una manifestazione - aggiunge Sergio Gnagni - che ha comportato un notevole sforzo da parte di tutti i componenti dello staff di organizzazione del torneo. Sforzi che però sono stati ripagati dal grande numero di spettatori e genitori presenti sulle tribune e dai sorrisi dei giovani calciatori che hanno partecipato all’esibizione» .

Gnagni: «Agonismo nonostante non ci sia la classifica, i 2017 sono fantastici»

Come tradizione e categorie in campo vogliono, la “Befana” non ha originato una classifica: «Un valore aggiunto alla riuscita della nostra manifestazione. Tutti i ragazzi sono vincitori. Ma pur non essendoci classifica, non sono mancate belle giocate e qualche interessante individualità si è messa in risalto. Ragazzi i cui nome - sorride Gnagni - inevitabilmente sarà stato scritto sui taccuini degli osservatori delle squadre professionistiche erano presenti sugli spalti della palestra di Truccazzano. Personalmente mi ha stupito l’esibizione dei ragazzi del 2017: hanno solo 5-6 anni, ma vederli muovere con naturalezza in campo, ben predisposti al gioco di squadra mi ha fatto un certo effetto. Solitamente a quest’età è facile vedere “sciami” di piccoli calciatori che inseguono una palla. Bravi quindi gli allenatori che evidentemente hanno dato importanza alla tecnica».

La Befana é stata una bella sorpresa per tutti i bambini

Ed alla fine è arrivata, immancabile, la Befana: «Accolta con entusiasmo e curiosità dai ragazzi - conclude Sergio Gnagni - che hanno ben volentieri “fatto la fila” per ricevere la calza in regalo, il premio che abbiamo riservato a tutti i ragazzi». Il sipario sulla ventunesima edizione della Befana Rossoblu è calata con una sola certezza: l’anno prossimo, un torneo del genere non potrà certo mancare...

Seguici sui nostri canali