Menu
Cerca
Elezioni

L’assessore di Cernusco eletto nel Consiglio nazionale della Federazione italiana di Altetica leggera

Maria Grazia Vanni è stata nominata membro del massimo organo decisionale della Fidal. E' stata la seconda più votata.

L’assessore di Cernusco eletto nel Consiglio nazionale della Federazione italiana di Altetica leggera
Sport Martesana, 01 Febbraio 2021 ore 11:09

C’è un pezzo di Martesana nel nuovo Consiglio federale della Federazione italiana di atletica leggera. L’assessore allo Sport di Cernusco sul Naviglio  Maria Grazia Vanni è stata eletta consigliere con il secondo miglior punteggio.

Assessore di Cernusco tra i dirigenti Fidal

Per la professoressa Vanni, già docente universitaria e nello staff dirigenziale della storica società cernuschese Pro Sesto Atletica, si tratta di un grandissimo risultato. Ieri, domenica 31 gennaio 2021, a Roma si sono tenute le elezioni del nuovo presidente della Federazione, colui che dovrà guidare l’atletica italiana nel prossimo quadriennio olimpico. La competizione ha visto il testa a testa tra Stefano MeiVincenzo Parrinello. La sfida tra i due è giunta al ballottaggio con il primo a essere eletto successore dell’uscente Alfio Giomi. Grande sorpresa alla nomina dei membri del Consiglio federale con la cernuschese nominata come la seconda più votata.

La seconda più votata

Vanni, che in passato aveva rivestito ruoli dirigenziali a livello regionale e provinciale, è risultata la seconda consigliera più votata con ben 22.745 voti. Ora insieme ai colleghi del Direttivo dovrà accompagnare il neo eletto presidente nel duro compito di far crescere l’atletica italiana, a partire dalle categorie giovanili cui Vanni si è sempre dedicata.

Credo che oggi sia stata premiata l’idea di mettere di nuovo in primo piano il merito. Nell’atletica, chi arriva un centimetro più in là, o un centesimo prima, vince. Deve essere così anche in Federazione. Per i ruoli di vertice abbiamo deciso, per questo, di esaminare curricula e fare colloqui personali, e penso che questo sia piaciuto alla gente. Voler dedicare una buona parte del bilancio al sostegno delle società e dei tecnici, e soprattutto alla formazione, ha influito.

Le prime parole da presidente di Mei.