Menu
Cerca
calcio - lega pro

D’Ausilio decide al 94′. La Giana batte in rimonta la Lucchese e conquista tre punti pesanti

La squadra di Brevi va sotto di due reti a inizio ripresa, ma Ruocco, Perna e D'Ausilio riportano la squadra alla vittoria

D’Ausilio decide al 94′. La Giana batte in rimonta la Lucchese e conquista tre punti pesanti
Sport Martesana, 17 Marzo 2021 ore 17:15

La Giana batte la Lucchese e conquista tre punti pesanti. Grazie alla rete di D’Ausilio al 94′, la Giana completa la rimonta sui toscani e accorcia le distanze in classifica all’interno del pacchetto play-out.

Le formazioni

GIANA ERMINIO 4

LUCCHESE 3

RETI: 37′ e 3′ st Meucci (L), 42′ Zugaro (G), 14′ st Bianchi (L), 17′ st Ruocco (G), 36′ st Perna (G), 49′ st D’Ausilio (G)

GIANA (3-5-2): Zanellati; Marchetti, Bonalumi, Perico; Madonna (35′ st De Maria), Palazzolo, Finardi (26′ st D’Ausilio), Pinto, Zugaro (12′ st Perna); Ferrario, Corti (12′ st Ruocco). A disp. Acerbis, D’Aniello, Barazzetta, Rossini, Greselin, Benatti, Capano, Dalla Bona. All. Brevi

LUCCHESE (3-5-2): Biggeri; Benassi, Dalla Bernardina, Pellegrini; Panati, Meucci, Zennaro, Nannelli, Maestrelli (26′ st Panariello); Bianchi, Scalzi (9′ Petrovic). A disp. Pozzer, Lo Curto, Lionetti, Solcia, Marcheggiani, Forciniti, Adamoli, De Vito, Sbrissa, Dumancic, All. Lopez

ARBITRO: Paolo Bitonti di Bologna

NOTE: Ammoniti: Bonalumi, Finardi, Perna (G). Maestrelli (L).

Lampi di qualità

Scelte tattiche speculari per i due tecnici: il modulo è il 3-5-2, ma l’interpretazione presenta più somiglianze che differenze. Entrambe le squadre cercano di evitare rischi in impostazione, mettono tanta intensità nel pressing e così costruire azioni palla a terra diventa difficile. L’unica grande differenza è che la Giana riesce ad avanzare sulle fasce e a trovare i riferimenti offensivi, Corti e Ferrario, già a ridosso se non direttamente all’interno dell’area di rigore andando vicino al gol in due occasioni. Ferrario gira di testa una punizione di Finardi al 14′, ma il suo tentativo finisce a lato, mentre il tocco rapido di Corti viene provvidenzialmente stoppato da Biggeri sul primo palo al 22′. La pericolosità della Giana fa aleggiare buoni presagi, anche perchè in fase difensiva gli uomini di Brevi sono precisi nelle coperture e puntuali nei raddoppi. Il gol, però, lo trova la Lucchese al 37′ con uno splendido destro di interno collo di Meucci, che su assist di Bianchi trova di potenza l’angolo alla destra di Zanellati. Uno svantaggio forse immeritato per la Giana per quanto mostrato fino a quel punto, ma quando ci si mette la qualità c’è poco a cui appellarsi. Il vantaggio toscano dura però appena 5′, perchè al 42′ Zugaro risponde con altrettanta qualità riequilibrando la sfida con un tiro al volo dal limite dell’area, che s insacca alla sinistra di Biggeri per la rete dell’1-1 che manda le squadre al riposo.

Crollo e rinascita

La ripresa comincia come peggio non poteva iniziare per la Giana. 15 minuti di black-out consegnano il doppio vantaggio alla Lucchese, che trova la rete del 1-2 al 3′ con Meucci e quella del 1-3 al 14′ grazie a Bianchi, che raccoglie un passaggio sbagliato di Ruocco e si invola da solo a battere Zanellati dopo aver saltato Marchetti. Sembra l’inizio di un film che la Giana ha vissuto troppe volte. Bel gioco, frenata e sconfitta. Ma stavolta il finale è differente. La Lucchese passa troppo presto sulla difensiva, si stringe dietro nel 5-3-2 tentando la resistenza e lasciando il pallino del gioco in mano alla Giana. Troppo presto, come detto, perchè la Giana accorcia subito le distanze con Ruocco al 17′ che gira di testa un cross potente di Perna, subentrato a Zugaro sull’esterno destro in una posizione poco usuale, ma utile. Il gol di Ruocco è la scintilla che scatena la rimonta della Giana, che si completa al 36′ grazie a Perna, che scarica in rete un cross basso di De Maria. E’ la rete del 3-3 che per tre volte potrebbe diventare 4-3, ma Biggeri è bravo a neutralizzare le conclusioni di Perico, Palazzolo e Ruocco. La Giana continua a crederci e viene premiata nel recupero. 49 minuto, Zanellati blocca la punizione di Nannelli e innesca D’Ausilio che si fa 70 metri di campo, entra in area e libera il destro che si insacca sul palo lontano per la rete del 4-3 che libera la gioia di tutta la squadra e consegna alla Giana tre punti pesanti.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli