Scuola
il caso

Animata discussione durante gli scrutini, preside e docente si sentono male

Sabrina Schiavone, che dal settembre 2019 guida l'Istituto comprensivo Molino Vecchio di Gorgonzola, è stata portata al Pronto soccorso.

Animata discussione durante gli scrutini, preside e docente si sentono male
Scuola Martesana, 11 Giugno 2021 ore 11:14

Scrutinio "animato" a Gorgonzola, la preside si sente male dopo un'accesa discussione con un docente. E' successo giovedì 10 giugno 2021 alla Molino Vecchio. Sul posto sono arrivati anche i Carabinieri della Compagnia di Cassano d'Adda.

Scrutini "tesi" a Gorgonzola, preside in ospedale

Un'aspra discussione con un docente ha fatto finire la dirigente dell'Istituto comprensivo Molino Vecchio di Gorgonzola al Pronto soccorso dell'ospedale di Melzo. E' successo giovedì 10 giugno 2021, intorno alle 11.30, quando dopo un'intensa mattinata di lavoro la preside Sabrina Schiavone, 39enne che dal settembre 2019 guida l'Istituto, ha avuto un malore ed è svenuta. Sul posto sono arrivati i soccorritori, che l'hanno portata al Santa Maria delle Stelle in codice verde, e i Carabinieri della Compagnia di Cassano d'Adda.

Preoccupazione e solidarietà da più parti

La dirigente si è sentita male dopo una lunga discussione con un docente in sede di scrutinio. Pare che alla base della lite ci sia il disaccordo sulla bocciatura (o meno) dell'alunno di cui stavano parlando. Da più parti sono arrivati commenti di solidarietà e auguri di pronta guarigione nei confronti della preside. Per il personale scolastico l'importante è tornare alla normalità e lasciarsi alle spalle questo triste avvenimento.

L'accaduto ha comportato un ritardo nello svolgimento degli scrutini e nella pubblicazione dei risultati.

Anche la docente è stata male: sette giorni di prognosi

La docente con cui la dirigente ha avuto l'acceso confronto si trovava collegata tramite piattaforma elettronica da casa. Anche lei si è sentita male e ha chiamato il proprio medico curante che le ha dato sette giorni di prognosi oltre a consigliarle di effettuare altri accertamenti.