Progetto

Una nuova scuola primaria nel centro di Segrate

Ospiterà venticinque classi, aule polifunzionali, palestra, mensa e biblioteca.

Una nuova scuola primaria nel centro di Segrate
Martesana, 01 Agosto 2020 ore 10:50

Una nuova scuola primaria in centro città. E’ stato illustrato il progetto che ha vinto il concorso internazionale per la destinazione degli spazi.

Nuova scuola primaria a Segrate

Una Primaria a Segrate che ospiterà venticinque classi, aule polifunzionali, palestra, mensa e biblioteca. E’ stato illustrato il progetto che ha vinto il concorso internazionale “Restarting community spaces – Urban regeneration of Segrate city center” che comprende la riprogettazione del centro. Ci saranno una scuola moderna, flessibile e dall’animo green, una nuova zona residenziale e la riqualificazione di parchi e verde. I vincitori avranno sessanta giorni di tempo per presentare il progetto finale di fattibilità. Poi, l’Amministrazione che si insedierà dopo le elezioni di settembre, deciderà se procedere con il bando di gara.

Una piccola città della conoscenza

Il nuovo plesso scolastico, in prefabbricato in legno lamellare, è stato immaginato come una piccola città della conoscenza composta da diversi padiglioni immersi nel paesaggio e aperti alla comunità. Ogni volume è stato disegnato secondo un sistema a pianta libera che permette di creare spazi flessibili. Le aree legate alla didattica sono disposte attorno a un giardino centrale da cui raggiungere i luoghi per le attività comuni: palestra, sala polifunzionale, biblioteca e mensa.
Il progetto prevede l’utilizzo di materiali naturali e facilmente riciclabili, l’installazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura della palestra sufficiente a coprire il fabbisogno della scuola, un sistema di recupero delle acque meteoriche e l’aumento delle superfici drenanti per ridurre l’effetto “isola di calore”. Ogni volume sarà inoltre dotato di un tetto verde riducendo così le dispersioni termiche, l’inquinamento atmosferico e sonoro e la velocità di deflusso delle acque piovane.

Quattrocento alberi al Centroparco

Per il Centroparco si pensa a un nuovo ecosistema naturale composto da tre paesaggi che garantiranno la piantumazione di 400 alberi. Il primo è rappresentato dal “viale-giardino” dal quale si estendono i percorsi ciclopedonali in direzione Est-Ovest. Una griglia di alberi permetterà di organizzare lo spazio del mercato, i parcheggi della scuola e la circolazione dolce. Il secondo è il “parco delle scuole” in cui si propone di rimodellare la collina esistente riutilizzando le terre da scavo dei futuri cantieri per creare un percorso ludico per i bambini e poter organizzare le attrezzature sportive all’aria aperta. Il terzo paesaggio è il “parco della roggia” in cui rafforzare le masse arboree e moltiplicare gli accessi all’acqua.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia