La forza della rete

Didattica a distanza: consegnati Pc e Tablet a chi ne era sprovvisto

Coinvolti in questa iniziativa Progetto Itinera, Genitori Itineranti, volontari di Melzo e la Polizia Locale dell'Unione dei Comuni.

Didattica a distanza: consegnati Pc e Tablet a chi ne era sprovvisto
09 Aprile 2020 ore 15:33

Quando si parla di didattica digitale si dà per scontato che tutti siano dotati di un dispositivo per poter fare lezione anche a casa. Eppure non è sempre così. Per questo è fondamentale pensare anche a chi vive situazioni di difficoltà.

Didattica a distanza davvero per tutti

Con i bambini e ragazzi chiusi in case e impossibilitati a studiare con compagni o vicini, chi è sprovvisto di Pc, Tablet o Smartphone fa veramente fatica a seguire le lezioni. Ma il compito della scuola pubblica deve essere garantire per tutti pari condizioni nell’accesso all’istruzione. Lo sanno bene all’Istituto comprensivo Mascagni dove si sono attivati per garantire pari opportunità ai loro studenti. Dopo un complesso lavoro organizzativo e di reperimento dei materiali, la dirigenza della scuola melzese è riuscita a consegnare 20 dispositivi a coloro che si trovano in maggiore difficoltà.

Consegnati Pc e Tablet

Per la buona riuscita dell’iniziativa è stata fondamentale la collaborazione tra l’istituto, il Progetto Itinera che si è fatto da tramite tra le esigenze della scuola e quelle del territorio, le Polizie Locali e i volontari che hanno effettuato la consegna dei dispositivi. Oggi, giovedì 9 aprile 2020, gli agenti della Polizia dell’Unione dei Comuni Adda Martesana hanno ritirato i tablet e Pc da consegnare ai residenti di Liscate, due volontari hanno pensato invece alle famiglie melzesi. E’ stata l’occasione anche per fare gli auguri di Pasqua e regalare delle uova di cioccolato messe a disposizione dalla Caritas interparrocchiale di Melzo che a sua volta le aveva ricevute dall’associazione Abracciaperte.

La collaborazione della rete scolastica

L’Istituto Mascagni ha provveduto a dotarsi del materiale (che è stato concesso in comodato d’uso gratuito) e a verificare quali e quanti fossero gli studenti in difficoltà per l’assenza di connessioni o per problemi di accesso alla tecnologia. Itinera ha svolto un ruolo di coordinamento con le realtà di volontariato del territorio. Ma fondamentale è stato anche il contributo di Genitori Itineranti che si sono messi a disposizione per aiutare le famiglie in difficoltà nella gestione delle lezioni, dei compiti e più in generale della didattica a distanza. Insomma, la rete scolastica ha fatto la differenza per permettere a tutti i ragazzi di affrontare  questa emergenza nel miglior modo possibile.

4 foto Sfoglia la gallery

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE. 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia