Sospiro di sollievo

Covid: dopo il bimbo positivo, riapre l’Asilo Modini

Mercoledì 23 settembre, è scaduta la quarantena per gli alunni e la maestra dell'Infanzia paritaria di Pessano. Oggi, venerdì 25, riprenderanno le attività

Covid: dopo il bimbo positivo, riapre l’Asilo Modini
Martesana, 25 Settembre 2020 ore 07:56

Covid, dopo il bimbo positivo, riapre l’Asilo Modini di Pessano. Lo ha annunciato il parroco don Claudio Preda.

L’Asilo Modini pronto a riaprire

Lo scorso lunedì, 14 settembre 2020, un bambino dell’Asilo Modini era risultato positivo. I genitori del piccolo, dopo averlo mandato alla scuola dell’infanzia paritaria di Pessano per i primi due giorni del nuovo anno scolastico (lunedì 7 e martedì 8 settembre), avevano scelto di tenerlo a casa per precauzione. Il bimbo presentava infatti alcuni sintomi riconducibili al Covid e, una volta consultata la pediatra, è stato effettuato il tampone, risultato positivo. Arrivata la notizia, il Modini è finito in quarantena: diciassette bambini dell’unica sezione, una maestra e la sua assistente. L’isolamento fiduciario è scaduto ieri, mercoledì 23 settembre, e subito la parrocchia, che gestisce l’asilo, si è organizzata per riaprire.

Spazi sanificati e tamponi negativi

Sabato l’interno asilo è stato sanificato, mentre Ats ha dato il via ai tamponi. Quelli della maestra e dei primi dieci bimbi a cui è arrivato l’esito sono risultati negativi e, una volta ricevuto il sigillo ufficiale da medico di base e pediatra, tutti potranno fare ritorno nella struttura. Domani mattina, venerdì 25 settembre, l’Asilo Modini aprirà quindi di nuovo i battenti. “Mancano ancora i risultati dei tamponi di sette bambini e dell’assistente, che speriamo arrivino a breve e abbiano lo stesso esito dei precedenti – ha sottolineato il parroco – Da domani ripartiremo e nei primi giorni di settimana prossimo tutto dovrebbe tornare a regime”.

Torna alla home per le altre notizie di oggi

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia