Idee & Consigli

Sigaretta elettronica, cosa c’è da sapere: aromi e caratteristiche

Sigaretta elettronica, cosa c’è da sapere: aromi e caratteristiche
Idee & Consigli 21 Dicembre 2022 ore 07:00

Il vizio del fumo è certamente una condizione estremamente dannosa, visto che provoca danni importanti come la polmonite cronica e vari disturbi dell’apparato circolatorio e respiratorio. La combustione del tabacco presente nelle sigarette analogiche, produce moltissime sostanze a rischio e tra queste ci sono pure quelle cancerogene. Per contrastare tale vizio c’è la sigaretta elettronica: un dispositivo realizzato per sostituire i mezzi abituali, ossia le classiche sigarette. La versione elettronica consente di imitare sistemi tradizionali come il sigaro e le sigarette, non solo per quanto riguarda l’uso ma pure per l’aspetto.

Tutte le sigarette elettroniche hanno un sistema elettronico di vaporizzazione, le batterie sono ricaricabili, le cartucce hanno il liquido che si vaporizza e potete trovare una vasta scelta di aromi per sigaretta elettronica.

Questo dispositivo contiene un quantitativo modificabile di nicotina, che viene vaporizzata in una miscela costituita da acqua, glicerolo, glicole propilenico e ulteriori elementi chimici.

Esattamente cosa si intende quando si fa riferimento agli aromi naturali per la variante elettronica della sigaretta? In questo caso si parla di quelli che si possono ottenere dal materiale vegetale di cui si desidera ripetere il sapore.

La differenza tra i diversi “gusti”

Nel settore commerciale si possono reperire ben tre tipi diversi di aromi: gli aromi naturali, i naturali identici e poi ci sono gli aromi artificiali.

  • Gli aromi di genere naturale rappresentano quella categoria che si ottiene attraverso l’estrazione di materie prime naturali direttamente dalle piante. Un esempio pratico è la macerazione del tabacco. Alternativamente ci sono gli aromi naturali costituiti da molecole chimiche che si ottengono tramite biosintesi. Le molecole sono uguali per struttura a quelle naturali, ecco perché appartengono a questa prima specie.
  • Gli aromi naturali identici hanno delle molecole simili a quelle naturali, ma si ottengono con la sintesi chimica.
  • Gli aromi artificiali si sintetizzano completamente in laboratorio e vanno a replicare solo alcune peculiarità, ovvero quelle che si intendono mettere in risalto, del prodotto naturale a cui fanno riferimento ispirandosi a esso.

Quali sono i vantaggi degli aromi naturali della sigaretta elettronica?

La composizione delle molecole che si vanno a vaporizzare certamente è uno dei lati positivi, correlati all’uso degli aromi. I componenti di tipo naturale risultano essere piuttosto complessi: oltre all’aroma principale, ci sono ulteriori composti secondari che hanno l’efficace funzionalità di creare una specie di profumo di fondo che va a rendere l’aroma molto più corposo.

I migliori aromi per le sigarette elettroniche

Prima di tutto bisogna dire che stabilire l’aroma migliore è sempre soggettivo, visto che si basa molto sui gusti personali e sulle preferenze di ognuno. In ogni caso si può effettuare una sorta di selezione degli aromi più apprezzati e utilizzati, tenendo conto della qualità a livello aromatico e della corrispondenza col gusto.

Quindi gli aromi maggiormente scelti sono quelli fruttati, i concentrati, la variante cremosa e quella golosa al caramello.

Come bisogna scegliere gli aromi per la sigaretta elettronica?

I fattori che si devono considerare prima di procedere con la scelta degli aromi, sono esattamente il gusto, il rapporto qualità-prezzo e la certificazione farmaceutica.

È importante mostrare attenzione al genere di aroma proposto da un venditore e se quest’ultimo è specializzato nella produzione di una particolare tipologia di aroma. Inoltre è meglio preferire quegli aromi che hanno una descrizione molto più complessa e fiorita, perché potrebbe star a significare che ci sono più note in quello specifico aroma rispetto a un altro.

Smettere di fumare grazie alla sigaretta elettronica

Coloro che sono intenzionati a smettere di fumare la sigaretta normale, optando quindi per quella elettronica, devono cercare di attenersi il più possibile a determinate indicazioni.

Come prima cosa bisogna smettere in tempistiche brevi, di usare entrambi i tipi ma unicamente quelli di genere elettronico. Poi è fondamentale iniziare a scalare in modo graduale la nicotina presente nel liquido, fino a toglierla entro massimo sei mesi.

I benefici della sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica viene definita come un dispositivo che consente di inalare il vapore che solitamente è aromatizzato, oltre a contenere oppure no diverse quantità di nicotina, immettendolo poi nell’apparato respiratorio. In questo caso, però, tale processo avviene senza che si vada a verificare la combustione del tabacco, coi problemi correlati a esso.

Il grande vantaggio collegato all’uso della sigaretta nella variante elettronica, è quello di risultare molto utile per sollecitare la disassuefazione dal fumo. Un aspetto di enorme rilevanza, considerando che questo potrebbe prevenire con efficacia molteplici casi di cancro ogni anno. In che modo? L’utilizzo della sigaretta elettronica evita il catrame e i gas tossici che, invece, sono presenti nei sigari, nelle pipe e nelle classiche sigarette. Così da limitare di molto i rischi collegati all’utilizzo, per esempio, delle tradizionali sigarette.

Per un valido raggiungimento di tale scopo, è fondamentale usare in maniera corretta la sigaretta elettronica.

In più per i fumatori che vogliono smettere di fumare, le sigarette elettroniche rappresentano un ottimo supporto nel passaggio da fumatore accanito a non fumatore.

Un ulteriore vantaggio è sicuramente quello di riuscire a recuperare l’olfatto e il gusto. Difatti chi fuma si rende conto che i non fumatori percepiscono i sapori e gli odori in un modo molto più intenso, rispetto ai fumatori. Questo è dovuto dal fatto che la lunga esposizione al fumo della sigaretta e alle sue sostanze così dannose, ha provocato una forte irritazione alle cellule sensoriali del naso e alle papille gustative.

Quando si effettua il passaggio dal fumo allo svapo, si ha la possibilità di riuscire a eliminare molti dei problemi causati dalla combustione del tabacco. Così da consentire un ripristino ottimale della funzionalità olfattiva e gustativa.

Infine la sigaretta elettronica dà l’opportunità di disintossicarsi dalla nicotina in maniera graduale.

Come disintossicarsi dalla nicotina

Nell’ambito commerciale e in shop online come Terpy, ci sono liquidi con la nicotina già pronti e quelli a cui aggiungere la nicotina liquida. Con la seconda soluzione si può andare a diminuire un po’ alla volta il dosaggio di nicotina all’interno dei liquidi svapo, fino a passare alla sigaretta elettronica senza nicotina. Un ottimo metodo per cercare di liberarsi definitivamente dal vizio della sigaretta.

 

Seguici sui nostri canali