Idee & Consigli
Sponsorizzato

Opportunità di carriera in McDonald’s, da crew a vicedirettrice

La storia di Adriana Michelle Hernandez Henriquez, entrata nel ristorante di Bellinzago nel settembre 2018

Opportunità di carriera in McDonald’s, da crew a vicedirettrice
Idee & Consigli 07 Dicembre 2020 ore 07:27

Le opportunità di carriera in McDonald’s sono concrete. Non si tratta di chimere irraggiungibili, ma di strade che tutti possono praticare con costanza e determinazione. È quanto è successo ad Adriana Michelle Hernandez Henriquez, impegnata dal settembre 2018 nel ristorante di Bellinzago. Nel giro di un paio d’anni la ragazza è passata da crew a manager, per poi intraprendere il percorso per diventare vicedirettrice. Vediamo la sua storia.

Opportunità di carriera in McDonald’s

“Il giorno in cui lasciai il mio curriculum non mi era per niente chiaro che tipo di lavoro volessi cominciare al termine del mio percorso di studi. Tant’è che, oltre a quella di McDonald’s, ricevetti le chiamate per effettuare anche altri colloqui per posizioni in ambiti completamente diversi, da quello industriale al commercio al dettaglio, passando per la commessa. Ma quando mi interfacciai con la realtà di McDonald’s mi resi subito conto della serietà e dell’importanza di un vero e proprio percorso che mi stavano proponendo. Riuscirono immediatamente a trasmettermi interesse per un’attività che comprendevo essere complessa e molto stimolante per la mia crescita formativa”.

Il primo anno da crew

“Il 7 settembre 2018 iniziai come crew e il mio primo giorno di lavoro fui accolta con calore da parte della mia responsabile. Mi misero subito a mio agio, nonostante la mia timidezza e insicurezza. All’epoca ero senza patente e quindi non avevo la possibilità di muovermi autonomamente, perciò durante i primi mesi mi vennero incontro con gli orari. In seguito, dovendo ricoprire turni notturni, fui aiutata dalla mia famiglia e dal mio fidanzato. Tutti attorno a me furono comprensivi e senza l’aiuto delle persone più care non sarei riuscita a perfezionare il mio percorso”. Adriana ricoprì il ruolo di crew per un anno: “Ricorderò sempre con emozione questo periodo, perché riuscii a superare tante difficoltà. I crew più anziani mi assistettero nel migliorare e perfezionare tutti i ruoli necessari per conoscere a fondo l’intera attività di un ristorante McDonald’s, accanto ai responsabili”.

La chiave per crescere

Per fare carriera, oltre alle qualità personali, serve la presenza anche di altri fattori: “Non sono stata mai lasciata da sola ad affrontare le problematiche. Ho saputo riconoscere in questo un team solido e preparato che non lascia mai indietro nessuno”. Dopo il primo anno a Bellinzago arrivò una proposta a sorpresa: “Mi venne proposto di iniziare il percorso manager. Mi sono sentita molto lusingata per questa opportunità, ma allo stesso tempo nutrivo incertezze e paure per affrontare una sfida così grande. Non volevo in alcun modo deludere il mio team. Era la mia prima esperienza di lavoro e ancora oggi potrei apparire molto giovane per un ruolo di così alta responsabilità. Tuttavia fui incoraggiata in tutti i modi ad iniziare il percorso. Sapevo però che non sarei stata abbandonata poiché tutta la squadra mi avrebbe indicato la strada più giusta da percorrere”.

Verso il ruolo di vicedirettrice

A distanza di due anni Adriana può affermare che la sua è una bella avventura, tramite cui è cresciuta sia professionalmente che umanamente: “Ho potuto superare tante incertezze, vincendo una vera e propria sfida con me stessa”. E pochi mesi fa è iniziata una nuova tappa, ovvero la possibilità di diventare vicedirettrice. “Sono ancora tante le cose che devo imparare, ma sono felice di essere riuscita a ultimare il corso e a conseguire la certificazione richiesta per ricoprire questo ruolo. Il percorso è ancora lungo ma sono sicura che è mettendosi sempre in gioco che si possono raggiungere traguardi importante nella vita. Questo lavoro è riuscito inoltre a donarmi soddisfazioni importanti: con i miei sforzi ho potuto finalmente conseguire la tanto agognata patente di guida e ho acquistato una piccola macchina senza chiedere aiuto a chi già tanto mi avevano supportata”.

“Un lavoro che mi piace”

La conclusione spetta di diritto ad Adriana, testimonial vivente delle opportunità di carriera in McDonald's. “Oggi quando mi alzo al mattino e vado con la mia auto verso il posto di lavoro, mi sento realizzata e felice per tutto quello che ho fatto in questi due anni. È un lavoro che mi piace e per cui mi spendo ogni giorno con passione e determinazione. La sfida è sempre quella di riuscire a trasmettere a chi mi sta intorno e a chi inizia per la prima volta a lavorare in McDonald’s il mio stesso amore per quello che faccio”.

 

Informazione Pubblicitaria