Idee & Consigli
lavoro

Il Mercato del lavoro in provincia di Milano nel 2021

Il Mercato del lavoro in provincia di Milano nel 2021
Idee & Consigli 23 Febbraio 2022 ore 15:33

Si paragona spesso il capoluogo lombardo alla locomotiva d’Italia, poiché il PIL pro capite è di 47mila euro, tra i più alti del Paese. Un’economia così solida offre molteplici opportunità d'impiego per cui vediamo di capire qual è lo stato del mercato del lavoro in provincia di Milano.

Il sito Indeed, una delle agenzie per il lavoro più seguite al mondo, riporta quali sono le “skills” più ricercate dal mercato nel 2021. C’è una distinzione importante da fare tra “soft skills” (competenze trasversali) e “hard skills” (competenze tecniche). Le prime riguardano la persona, mentre le seconde la formazione. Tra le prime spiccano: resistenza allo stress, “problem solving” e capacità di ascolto. Tra le seconde: conoscenza delle lingue straniere e fondamenti di SEO e SEM, tra le altre.

Come acquisire le giuste competenze tecniche

Per quanto riguarda le conoscenze linguistiche, i corsi online offerti da siti internet come Preply di idiomi come l'inglese, tra gli altri, sono una delle soluzioni più gettonate del momento, per la flessibilità di orari e di offerte che propongono. Lo stesso vale per i corsi di SEO e SEM. Google, per esempio, offre, nella sua sessione Google Digital Training, corsi gratuiti altamente formativi in campo di marketing digitale e SEO.

L’istruzione resta, quindi, la chiave per il successo ed è seguendo questa ottica che la Regione Lombardia è intervenuta stanziando 15 milioni di euro per il progetto “Formare per Assumere”, che finanzierà la formazione di ogni nuovo lavoratore assunto, purché disoccupato da almeno 30 giorni, fino a un massimo di 3 mila euro. Inoltre le aziende potranno beneficiare di ulteriori 500 euro per la ricerca del personale e di un bonus occupazionale tra i 4 mila e i 9 mila euro.

Quali sono le professionalità più richieste in provincia?

Molto ricercate sono quelle del settore benessere, che variano dagli operatori delle spa a quelli olistici. Un altro lavoro che va per la maggiore è quello del bartender, ovviamente per via della famosa movida milanese. Non sorprende neanche che, per il grande sviluppo del comparto moda nel capoluogo lombardo, ci sia molta richiesta sia di operatori del manifatturiero, che di modelle.

Trainante è il settore terziario e dei servizi offerte alle aziende, per cui esperti di marketing, di comunicazione e di finanza non resteranno senza lavoro a Milano. Molti sono anche i liberi professionisti che operano in questo campo, facilitati dalle strutture di co-working, ottime in città.

Qual è la situazione dell’occupazione femminile e giovanile?

I dati di Assolombarda in questo senso sono incoraggianti perché il tasso di occupazione in quota rosa è più alto della media italiana, raggiungendo il 50,1%.  Se, in Regione, lo 0,7% delle donne ha perso lavoro, nel resto d’Italia le percentuali sono purtroppo molto più alte.

Per quanto riguarda la disoccupazione giovanile nel nostro Paese la situazione non è attualmente rosea. Il Governatore Fontana parlò di una percentuale del 33,8%, in occasione della presentazione del progetto “Young Is Future: il futuro della Lombardia parte dai giovani”, progetto che ha lo scopo di dare vita alla prima legge quadro dedicata alle nuove generazioni. In questo quadro, quindi, la formazione rappresenta un aspetto importante per risollevare la situazione occupazionale italiana.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter