Raduno di Pontida tra slogan, immagini sacre e contestazioni

Pesantemente insultato il giornalista Gad Lerner. Manate sulle telecamere. Poi il discorso di Matteo Salvini.

Raduno di Pontida tra slogan, immagini sacre e contestazioni
Martesana, 15 Settembre 2019 ore 17:04

“Mai con il Pd”, “Meglio bestia che Renzi”, “Berlusconi fatti da parte”: sono solo alcuni dei tanti, tantissimi slogan apparsi stamattina al raduno di Pontida della Lega. C’è chi li indossa sulle magliette, chi li sventola su striscioni.

E c’è pure chi ha “brandito” immagini sacre issandole come vessilli.

 

Il popolo verde questa mattina si è letteralmente scatenato.

 

 

LEGGI ANCHE Il raduno di Pontida compatta il popolo leghista TUTTE LE FOTO

Raduno di Pontida tra slogan, immagini sacre e contestazioni

Rumoroso, colorato, esplicito e spesso anche poco politically correct il popolo del Carroccio, che ha riservato applausi agli esponenti politici della Lega arrivati a Pontida, non ha risparmiato forti contestazioni a esponenti della stampa. Gli uomini della Digos sono stati impegnati a individuare l’autore di una aggressione ad un giornalista di Repubblica.

 

Non sono mancate manate sulle telecamere di troupe televisive. Ma nel mirino del popolo verde è entrato in particolare  Gad Lerner, giornalista, conduttore televisivo e saggista italiano. “Buffone”, “pagliaccio”, “vai a casa” (solo per limitarci alle urla e agli epiteti meno crudi). Aggressività verbale decisamente forte alla quale il giornalista ha risposto: “Sto lavorando, vengo a Pontida da prima di loro”.

Il voto e la legge elettorale

Poi l’intervento del Capitano, Matteo Salvini. “Questo è uno spettacolo incredibile. Questa è l’Italia che vincerà. L’odio e la paura non abitano a Pontida” ha detto appena salito sul palco. Il voto: questo uno dei nodi centrali nel discorso di Salvini. Quel voto prima sperato all’indomani della crisi di Governo voluta dallo stesso ex Ministro dell’Intero e ora atteso. “Non possono scappare all’infinito” ha aggiunto facendo riferimento agli ex alleati del Movimento 5 Stelle e ai loro nuovi compagni nell’Esceutivo ovvero Pd e Leu. “Prima o poi si tornerà alle urne”. E a questo proposito non è mancata un riflessione sulla legge elettorale (“Serve una legge chiara che permette a chi vince di poter governare davvero”).

Per ulteriori approfondimenti vedi il Giornale di Lecco

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia