il caso

Lombardia zona rossa: giovedì 21 gennaio alle 12 l'udienza al Tar

La zona rossa è in vigore sino al 31 gennaio. Ma la Lombardia spera nel Tribunale amministrativo.

Lombardia zona rossa: giovedì 21 gennaio alle 12 l'udienza al Tar
Politica 20 Gennaio 2021 ore 17:55

È stata fissata per domani, giovedì 21 gennaio 2021, alle 12, l’udienza del giudice monocratico della sezione 3^ quater del Tar del Lazio, per il ricorso della Regione Lombardia contro l'ordinanza del ministero della Salute che determina la collocazione della Lombardia in zona rossa.

Ricorso Lombardia sulla zona rossa al Tar

La storia è oramai nota. Il ministro Roberto Speranza nei giorni scorsi ha inserito la Lombardia in zona rossa. Una decisione criticata a più voci dalla Regione. Il governatore Attilio Fontana già venerdì aveva annunciato il ricorso, che è stato poi ufficialmente presentato martedì 19 gennaio 2021.

Fontana aveva anche chiesto a Speranza di rivedere la propria posizione, ma proprio stamattina il ministro ha confermato che - a detta sua - la situazione non cambierà almeno sino al 31 gennaio, data di scadenza dell'ordinanza.

L'ultima speranza per un passaggio quantomeno in zona arancione rimane dunque il Tribunale amministrativo regionale, che domani analizzerà la questione.

QUI IL TESTO COMPLETO DEL RICORSO

Critico il Movimento 5 stelle

Sul ricorso non risparmia una stoccata il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle Massimo De Rosa:

Sul ricorso al Tar da parte di Regione Lombardia, dopo il passaggio in zona rossa deciso dal Governo, c’è innanzitutto da chiedersi dove stia la ragione. Se il Cts avesse commesso uno sbaglio di valutazione, sarebbe giusto rivedere i dati in modo corretto applicando le regole applicate in tutta Italia. Ma se Regione Lombardia avesse inviato dei dati incompleti o se la valutazione del Cts fosse confermata, allora sarebbe una grave responsabilità della Giunta Fontana che dovrebbe trarne le conseguenze e finirla con l’atteggiamento aggressivo e poco collaborativo tenuto finora con il governo. Oggi i dati del Ministero della Salute ci dicono che la Lombardia rientra nelle regioni italiane con il maggior numero di test per il coronavirus positivi nelle ultime 24 ore. Siamo i primi a voler vedere la nostra regione fuori dalla zona rossa ma questa decisione deve basarsi su scelte ponderate e non si uscite propagandistiche