Politica
Politica

Elezione del presidente della Repubblica: un cassanese prende due soli voti in meno di Berlusconi

Serafino Generoso ha ottenuto cinque preferenze. E' stato tra coloro che hanno ricevuto voti al secondo scrutinio per l'elezione del Capo dello Stato.

Elezione del presidente della Repubblica: un cassanese prende due soli voti in meno di Berlusconi
Politica Cassanese, 26 Gennaio 2022 ore 09:25

Un nome a sorpresa tra quelli votati nel corso del secondo scrutinio per le elezioni del presidente della Repubblica. Un politico dell'Adda Martesana che ha ottenuto due sole preferenze in meno di Silvio Berlusconi.

Serafino Generoso tra i votati

Ieri, martedì 25 gennaio 2021, si è tenuta la seconda chiamata per i grandi elettori che devono scegliere il successore di Sergio Mattarella. Un'altra fumata nera, come era atteso, con alcune figure di spicco che hanno catalizzato i voti senza raggiungere il 70% dei votanti come previsto dalle norme. Il maggior numero di preferenze (39) le hanno ottenute proprio Mattarella e il nome avanzato dal Movimento 5 Stelle, il giurista Paolo Maddalena.

Ma anche un rappresentante dell'Adda Martesana ha ottenuto un buon numero di preferenze. Si tratta dell'avvocato di Cassano d'Adda Serafino Generoso, politico del centrodestra da anni impegnato per la sua città e non solo.

Un cassanese all'elezione del presidente della Repubblica

Un onore, sicuramente, per Generoso e per la sua città Cassano d'Adda che potrà vantarsi di aver avuto un proprio concittadino tra coloro che sono stati indicati per ricoprire la massima carica dello Stato.  L'avvocato ha ottenuto 5 preferenze. Per capire una sola in meno dell'ex segretario del Partito democratico Pierluigi Bersani, due in meno di Silvio Berlusconi che per molte settimane era stato indicato come il candidato di parte del centrodestra.

"E' un'attestazione di stima - ha commentato Generoso - Alessandro Sorte (deputato di Forza Italia eletto nel collegio di Romano di Lombardia, ndr) mi ha chiamato dicendo: "Guarda che ti votiamo". "Ma sei matto?", gli hi risposto. E lui ha detto che gli era venuto in mente solo in fase di votazione, altrimenti mi avrebbe fatto arrivare anche dieci voti. Lo apprezzo come un segnale di ritorno alla politica, che non è fatta solo da occupare cariche. E' avere degli ideali, porsi degli obiettivi e cercare di raggiungere quanto possibile".

Seguici sui nostri canali