Cologno, “La contestazione è democrazia”

Cologno, “La contestazione è democrazia”
26 Giugno 2017 ore 09:23

Ora, pensate  di andare dal panettiere, fare la fila, e, al momento in cui vi deve servire il “pane della democrazia”, vi fa intendere che il pane è finito; anzi che a voi non ve ne vuol dare neppure un tozzo”. È con questa metafora che il Comitato 16 marzo, nato per difendere la Scuola di italiano per stranieri e il Centro interculturale donne di via Milano e che ha organizzato una petizione contro la chiusura dei due servizi voluta dall’Amministrazione in cui ha raccolto oltre 3000 firme, ha preso posizione sui fatti di settimana scorsa in Consiglio.

“Abbiamo organizzato una festa in piazza per dire no alla chiusura, abbiamo raccolto le firme, eravamo riusciti a far iscrivere all’ordine del giorno la mozione per discutere in Consiglio del problema e poi, per via di una pregiudiziale della maggioranza abbiamo scoperto all’ultimo secondo che tale argomento non sarebbe stato trattato – è il pensiero del comitato in sintesi – il pubblico si è giustamente indignato. E ha fatto bene, perché questa indignazione è democrazia”


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia