Cassina scopre di avere un buco di bilancio. Il sindaco: “Situazione gravissima”

Cassina scopre di avere un buco di bilancio. Il sindaco: “Situazione gravissima”
Martesana, 12 Febbraio 2020 ore 11:46

Buco di bilancio a Cassina de’ Pecchi. Clamoroso annuncio dell’Amministrazione in carica. La sindaca Elisa Balconi ha fatto sapere senza mezzi termini che la situazione è gravissima.

Buco di bilancio

Il buco ammonterebbe a circa il 10 per cento del bilancio totale, che è pressoché di 14 milioni di euro. Attualmente si stanno effettuando i conteggi per arrivare a una stima più precisa. C’è stato un deferimento del Comune alla Corte dei Conti per i rendiconti degli anni 2017 e 2017. Questa avrebbe riscontrato un importante scostamento e una non corretta imputazione delle entrate non riscosse nel Fondo crediti di dubbia esigibilità.

Un errore ripetuto per anni

Insomma, l’attuale maggioranza insediatasi il 26 maggio 2019 con la vittoria della sindaca leghista a capo di una coalizione con tre liste civiche, avrebbe scoperto che chi l’ha preceduta avrebbe reiterato dal 2016 al 2019 un grave errore tecnico che riguarda i crediti che la Pubblica amministrazione vanta, ma di cui c’è alta probabilità che non incassi (multe, affitti, tributi, etc).

Le conseguenze

Il debito dovrà così essere ripianato nei prossimi quattro anni. Ciò comporterà tagli alle spese, blocco di molte attività già programmate, aumento dell’imposizione fiscale locale. Ovvero: aumento di tasse e imposte. Inoltre il prossimo bilancio di previsione dovrà essere approvato in disavanzo. E non è finita, perché in piazza De Gasperi attendono ancora dalla Corte dei Conti il verdetto sull’eventuale sanzione. Il verdetto è atteso entro il 6 marzo.

Le responsabilità

Dal Comune in una nota si fa sapere che gli amministratori precedenti potrebbero essere chiamati a rispondere personalmente del danno erariale prodotto.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia