Politica
il caso

Case in convenzione, torna la possibilità del riscatto

Cassina de' Pecchi si sta già adeguando dopo lo sblocco interpretativo sul riscatto del diritto di superficie.

Case in convenzione, torna la possibilità del riscatto
Politica Martesana, 11 Ottobre 2022 ore 15:07

Un passo verso il ritorno alla normalità a Cassina de' Pecchi sull'edilizia convenzionata. Con la delibera approvata nel Consiglio comunale del 30 settembre 2022 infatti si sono di fatto riaperte le procedure per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà e per la rimozione anticipata dei vincoli convenzionali relativi al prezzo massimo di cessione e di canone massimo di locazione degli immobili.

Riscatto dell'edilizia convenzionata

La possibilità di riscattare il diritto di superficie passando a quello di proprietà è stato rallentato e ostacolato da un susseguirsi di normative che sono state oggetto, a livello nazionale, di contestazione per irregolarità procedurali. Sono soprattutto i coefficienti di calcolo delle quote di riscatto e di eliminazione dei vincoli ad avere subito discordanti interpretazioni, l'ultima, ancora con il secondo Governo Conte, che aveva indotto le Amministrazioni di tutta la Penisola a tiare il freno a mano sull'argomento.

Finalmente con un’ultima modifica dell’art. 10 quinquies della legge nr.51 del 20 maggio 2022 che ha variato i commi 47, 48 e 49 bis della L.448/98, in merito ai riferimenti per il calcolo del corrispettivo, si è chiarita la situazione. I Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze ha stabilito, con specifico regolamento,
la quota percentuale del corrispettivo calcolato ai sensi del comma 48 della L.448/98, da versarsi per l'eliminazione dei vincoli al prezzo di vendita.

Un'altra importante novità è rappresentata dalle formule introdotte dal decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze per l’applicazione di tale percentuale .
Con queste ultime risoluzioni si mette un punto fermo sulla questione e si potranno così sbloccare le procedure, che si erano fermate per l’incertezza della legislazione, anche per parecchi nostri concittadini.

Seguici sui nostri canali