Menu
Cerca

Bike sharing a flusso libero anche a fuori da Milano?

A chiederlo al sindaco Luca Maggioni, è il Partito democratico che vuole che sia seguito l'esempio di Milano.

Bike sharing a flusso libero anche a fuori da Milano?
Politica 26 Ottobre 2017 ore 11:36

Bike sharing anche a Caugate. A chiederlo al sindaco Luca Maggioni, è il Partito democratico (in minoranza in Consiglio comunale) che vuole che sia seguito l'esempio di Milano.

Bike sharing a flusso libero

La sezione cittadina del Pd ha inviato una lettera aperta al primo cittadino. In essa si chiede che anche nell'area metropolitana si prendano accordi con le aziende private che offrono il bike sharing a flusso libero. Si tratta di un tipo di noleggio di biciclette, con abbonamento, che non prevede la restituzione del mezzo in uno specifico punto di raccolta.

I carugatesi le usano

"Anche a Carugate da alcuni giorni sono presenti una decina di biciclette appartenenti alle compagnie del bike sharing a flusso libero - si legge nella lettera - Segno che anche diversi utenti carugatesi ne fanno uso e che esistono anche nella nostra cittadina le condizioni per la diffusione di questi sistemi di mobilità sostenibile".

"Sindaco vada agli incontri in Città metropolitana"

"Come Pd di Carugate auspichiamo che lei sia presente agli incontri in Città metropolitana e che dia la disponibilità all’installazione di stazioni bike sharing - prosegue la missiva - Auspichiamo inoltre, qualora non venga fatto da Palazzo Isimbardi, che l’Amministrazione di Carugate prenda accordi con le società di bike sharing a flusso libero. Ciò per diffondere sul nostro territorio alcune biciclette, e per permettere agli utenti carugatesi di poterle usare in città, senza incorrere in contravvenzioni".

Il servizio che c'era è stato eliminato

In realtà l'Amministrazione guidata dalla lista Pro Carugate ha eliminato il bike sharing che esisteva in città. Una stazione si trovava in via XX Settembre, nei pressi del parcheggio del Municipio. Il servizio è stato smantellato in quanto giudicato eccessivamente costoso rispetto all'effettivo utilizzo dei carugatesi.