Politica
bus urbani

A Cernusco sul Naviglio nessun aumento del biglietto di trasporto pubblico locale

L'Amministrazione ha infatti deciso di congelare l'aumento dei costi del Tpl, in attesa (e nella speranza) del biglietto unico

A Cernusco sul Naviglio nessun aumento del biglietto di trasporto pubblico locale
Politica Martesana, 10 Gennaio 2023 ore 09:13

Se a Milano il biglietto del trasporto pubblico è diventato più caro, a Cernusco sul Naviglio resta invariato. L'Amministrazione ha infatti deciso di congelare l'aumento dei costi del Tpl, che quest’anno non subirà rincari per chi si muove all’interno della città con i mezzi pubblici.

Gli altri aumenti

Il regolamento tariffario regionale stabilisce che le tariffe debbano essere adeguate annualmente in base al tasso di inflazione definito dalla regione stessa con proprio atto, corretto in funzione di indicatori di qualità definiti dalle agenzie.

Atto che Regione Lombardia ha deciso di assumere la scorsa estate e che l’Agenzia del Tpl del bacino della Città metropolitana di Milano, Monza Brianza, Lodi e Pavia, aveva recepito, esprimendo però l’indicazione di convogliare gli aumenti sui titoli singoli e non sugli abbonamenti.

Agevolati gli abbonamenti

"Una decisione, quella di escludere dall’aumento gli abbonamenti, di assoluto buon senso, presa a conclusione del lavoro di condivisione tra il Comune di Milano e molti sindaci dei Comuni della Città Metropolitana di Milano, soprattutto a tutela dei cittadini studenti e lavoratori e pensando ai loro spostamenti quotidiani"

Questo il commento del sindaco Ermanno Zacchetti.

La richiesta della concessionaria cernuschese

Il via libera all’adeguamento Istat dei prezzi dei biglietti aveva portato nei mesi scorsi anche la concessionaria del Tpl di Cernusco sul Naviglio, Star Mobility, a farne richiesta.

L’Amministrazione cernuschese ha ritenuto significativo tutelare gli utenti del trasporto pubblico all’interno del territorio comunale, in un’ottica di sostegno fattivo alla mobilità alternativa all’auto, e ha garantito un’invarianza di tariffe non solo per gli abbonamenti ma anche per i biglietti singoli, congelando così l’aumento di entrambe le formule di viaggio, mediante il ricorso a risorse proprie per ulteriori 17mila euro.

Ha aggiunto l’assessore ai Trasporti Pubblici Alessandro Galbiati:

"Crediamo in un futuro in cui il trasporto pubblico sia sempre più accessibile e fruibile, per questo abbiamo deciso di intervenire, in attesa della gara che si terrà nel 2023 e riguarderà tutte le linee della città Metropolitana, nella speranza che in quell’occasione si possa estendere il biglietto unico anche alla tratta interurbana: solo allora avremo un servizio di trasporto pubblico efficiente e giusto".

 

Seguici sui nostri canali