scintille

A Cernusco sul Naviglio il bonus alla portavoce del sindaco fa litigare (ancora) la maggioranza

Nuovo "ammutinamento" della lista Vivere Cernusco, che contesta l'inopportunità di un simile riconoscimento a una sola persona. Il sindaco ribatte: "E' il contrario. Sarebbe stata l'unica esclusa".

A Cernusco sul Naviglio il bonus alla portavoce del sindaco fa litigare (ancora) la maggioranza
Martesana, 22 Novembre 2020 ore 11:41

Un bonus indigesto. Tanto che i due assessori della lista Vivere Cernusco, alleata del Pd al governo della città, si sono rifiutati di votare la delibera relativa. Ovvero l’incentivo economico da oltre duemila euro per la portavoce del sindaco.

Ancora scintille in maggioranza

“Non è in discussione la qualità del lavoro svolto – ha spiegato il vicesindaco Daniele Restelli, di Vivere – Ma non ci sembra opportuno in questo momento in cui si è tutti sotto pressione e in cui non si riesce a premiare adeguatamente chi ha profuso energie nella gestione dell’emergenza andare a riconoscere a una sola persona un simile incentivo”. Il primo cittadino Ermanno Zacchetti, invece, non comprende l’ennesimo ammutinamento degli alleati: “Nella stessa seduta abbiamo approvato degli incentivi economici agli altri dipendenti – ha spiegato – Lei invece, ha un contratto diverso e sarebbe stata l’unica a rimanere esclusa”.

Nella Gazzetta della Martesana

Tutti i dettagli nell’edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell’edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 21 novembre 2020.

TORNA ALLA HOME

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia