I nostri consigli

Spinacio Merlo Nero: crudo o bollito, cambia la semina

La pianta predilige il freddo, coltiviamolo subito o aspettiamo l’autunno.

Spinacio Merlo Nero: crudo o bollito, cambia la semina
Facciamo l'orto in casa 12 Marzo 2022 ore 07:40

Per i nostri lettori ortisti questa settimana regaliamo una bustina di semi di Spinacio Merlo Nero. Gli spinaci sono una coltivazione antica e rustica, adatta per i neofiti dell’orto perché sono facili da coltivare e hanno un ciclo breve. In più, godono di un’ottima resistenza al freddo e hanno bisogno di poco spazio per crescere.
Il nome di questa varietà di spinaci deriva dal colore delle foglie, che sono di un ricco verde tendente al nero: la loro superficie è bollosa e ampia, con lembi tondeggianti e un portamento eretto, dato dal picciolo corto e dritto.

Spinacio Merlo Nero: i nostri consigli

La semina

La coltivazione degli spinaci richiede un clima abbastanza fresco, quindi consigliamo di seminarli subito o ti attendere l’autunno, almeno da metà settembre. Infatti è una pianta che resiste bene all’inverno e può arrivare fino a primavera, ma col caldo dell’estate non produce bene: i semi maturano molto rapidamente senza darci le foglie commestibili. Il ciclo in effetti è abbastanza rapido, con le condizioni ottimali gli spinaci saranno pronti in circa 40 giorni.
E’ poi una pianta che non richiede grandi spazi, basta pertanto un vaso poco profondo, anche solo 15-20 centimetri, e la larghezza dipende da quanti semi vogliamo utilizzare. Anche il tipo di semina dipende dal consumo che si vuole fare del prodotto. Se vogliamo il classico cespo da bollire, con lo spinacione ben formato, dobbiamo mettere un seme, per sicurezza due, ogni 7 cm, su file distanti 15 cm. Poi andremo a lasciare la pianta migliore che produce le foglie migliori. Se invece vogliamo uno spinacino fresco e tenero da mangiare crudo dovremo seminare a spaglio, cioè a getto, ma non troppo densamente.
Il terreno dovrà essere sempre abbastanza umido, tenendo il vaso al riparo dal sole.

La crescita

La gestione successiva è abbastanza semplice, basta aspettare e mantenere il terreno umido e il vaso non dovrà essere troppo esposto al sole diretto, meglio alternare ombra e luce. Non dobbiamo preoccuparci di bagnare anche le foglie, poiché resistono bene alle malattie ma non quando il sole picchia diretto perché potrebbero scottarsi. E non temono il freddo e le gelate. Possiamo magari coprire la pianta con un tessuto non tessuto, adagiandolo delicatamente sopra senza ancorarlo, sarà la pianta stessa a sollevarlo crescendo.

La raccolta

La raccolta dipenderà, come detto, dall’utilizzo che vogliamo farne e quindi da come avremo seminato. Se abbiamo seminato per avere il cespo maturo in 40 giorni potremo raccogliere le nostre foglie, che saranno scure e dalla superficie bollosa e ampia. Se lasciamo passare più tempo le foglie diventeranno più legnose, ma potranno essere consumate lo stesso se bollite. Si taglierà tutto il cespo, ma nel caso volessimo provare a fare una seconda raccolta, opzione che risulta più facile in autunno, ricordiamoci di fare un taglio ben netto. Invece, se puntiamo allo spinacino da insalata, taglieremo le foglioline quando avranno una lunghezza di circa 4-5 cm, così che siano belle tenere. Anche in questo caso se effettuiamo un taglio netto potremo provare a fare una seconda raccolta. Ovviamente, in generale, con le successive crescite il prodotto perde di qualità, soprattutto dal punto di vista estetico.

Valido alleato per la salute di intestino, muscoli, cuore e occhi

Lo spinacio (Spinacia oleracea) è una pianta erbacea della famiglia delle Amaranthaceae, sottofamiglia delle Chenopodioideae. Originario dell'Asia sudoccidentale (il suo nome deriva dal persiano aspanahk, che vuol dire “incrociato con la spina”) è stato introdotto in Europa attorno al 1000.
Gli spinaci sono validi alleati per la salute di intestino, muscoli, cuore e occhi.
Nonostante la convinzione diffusa grazie al fumetto “Braccio di Ferro”, gli spinaci sono ortaggi con un basso contenuto di ferro, il cui assorbimento da parte dell’organismo è facilitato in combinazione con la Vitamina C, per cui è consigliabile consumare gli spinaci conditi con limone. Gli spinaci sono invece ricchi di vitamina A e di acido folico.
Di questa pianta si consumano le foglie spesse e verdi sia come ortaggio fresco sia per l'industria conserviera.
Può essere consumato cotto o crudo e il gusto differisce notevolmente; l'alto contenuto di ossalato può essere ridotto mediante cottura a vapore. Tuttavia, una volta lessati, gli spinaci perdono circa la metà delle proprietà nutritive, se ne consiglia dunque l’utilizzo a crudo, magari nella preparazione di ricche insalate. Per esempio, si possono abbinare a parmigiano e noci e condire con olio extravergine di oliva e un pizzico di sale, oppure si può fare un’insalata di spinaci e arance, sempre a crudo, in questo modo, la vitamina C degli agrumi aiuterà all’assorbimento del ferro contenuto negli spinaci.
Paolo Godina (Cab Polidiagnostico)

Lo chef Tarabini propone: Crema di Spinaci con uovo pochè

Lo chef Gianni Tarabini, del ristorante stellato La Preséf dell’Azienda Agrituristica valtellinese La Fiorida (Mantello – SO), anche questa settimana ci propone una ricetta sfiziosa, dal grande effetto scenografico, ma che possono fare tutti: Crema di Spinaci con uovo pochè.
Ingredienti per 4 persone:
spinaci 70 g
cipolla 60 g
patata 100 g
brodo vegetale 300 g
4 uova
parmigiano reggiano 100 g
semi di sesamo neri qb
olio qb
sale qb
pepe qb
Procedimento
Tagliare la cipolla a julienne e farla rosolare in una casseruola, successivamente aggiungere la patata. Aggiungere poi il brodo e continuare la cottura. Ultimata la cottura frullare il tutto con il minipimer e aggiungere gli spinaci, cuocere nuovamente per 2 minuti circa e frullare ancora, la crema è pronta.
A parte l’uovo “pochè”: portare in ebollizione un pentolino d’acqua (con un pizzico d’aceto), con un cucchiaio create un vortice di acqua e versate l’uovo precedentemente sgusciato. Mantenete il vortice di acqua in movimento fino a che l’uovo non sarà cotto (3/5 min) il tuorlo non diventerà eccessivamente rappreso. Scolate con una schiumaiola, il vostro uovo è pronto.
Con il parmigiano reggiano formare dei dischetti di 4/5 cm e cuocerli adagiati su una padella antiaderente o nel microonde su carta da forno finché non saranno solidificati.
Impiattamento
Adagiate sulla fondina la crema di spinaci, mettete al centro l'uovo, ed infine appoggiare la cialda sopra l’uovo, spolverate a piacere i semi di sesamo sul piatto.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter