lombardia

Fattorie didattiche, riscoprire la natura e i sapori genuini

Sono più di 170 le aziende agricole nella nostra regione che fanno attività di formazione per scuole e famiglie.

Fattorie didattiche, riscoprire la natura e i sapori genuini
Facciamo l'orto in casa 31 Marzo 2021 ore 22:23

Fattorie didattiche: in Lombardia sono più di 170 le aziende agricole che fanno attività di formazione per scuole e famiglie, permettendo di riscoprire la natura e i sapori genuini.

Fattorie didattiche, riscoprire la natura e i sapori genuini

Vedere da vicino gli animali, come vengono allevati e curati. Scoprire da dove e come vengono coltivati i prodotti che arrivano sulla nostra tavola. Conoscere le tradizioni rurali del nostro territorio e imparare a mangiare in modo sano. Ecco quello che sanno offrire le fattorie didattiche, ai bambini come ai loro genitori, con una pedagogia attiva, imparando facendo.

Regione Lombardia ha avviato il progetto “Fattorie Didattiche” nel 2001 con l’obiettivo di contribuire ad avvicinare alla campagna e alla cultura rurale prioritariamente gli alunni della scuola dell’obbligo, ma anche cittadini e target specifici. Oggi in Lombardia sono 170 le aziende agricole iscritte nell’Elenco regionale delle Fattorie Didattiche accreditate, di cui la maggior presenza si registra nelle province di Bergamo (38), Milano (26) e Brescia (22).

Questo tipo di attività educativa ha sempre suscitato un grande interesse, proprio per la capacità di avvicinare concretamente i più piccoli al mondo agricolo. E in questa emergenza sanitaria il desiderio di aria aperta e riscoperta della natura sono certamente più forti. Inoltre, l’estate scorsa, anche per sopperire alla difficoltà delle istituzioni scolastiche e sociali di rispondere alla domanda, le fattorie didattiche hanno dato il loro importante contributo per l’organizzazione di centri estivi dedicati ai più piccoli, dando così un sostegno importante ai genitori.

Che cos’è una fattoria didattica

La fattoria didattica è un’azienda agricola, caratterizzata dalla produzione e dal lavoro dell’agricoltore, in cui parte del tempo e della struttura aziendale vengono messi a disposizione per accogliere gruppi scolastici e famiglie al fine di mettere in comunicazione diretta l’agricoltore e il cittadino di tutte le età.

La fattoria didattica apre le porte ai visitatori, coinvolgendoli attivamente, per favorire il collegamento tra città e campagna, far conoscere l’ambiente rurale, l’origine dei prodotti alimentari e la vita degli animali.

Gli obiettivi della didattica in fattoria, infatti, sono: creare un contatto diretto tra il produttore e il consumatore; far conoscere il lavoro dell’agricoltore e tutta la filiera degli alimenti, dal campo alla tavola; riscoprire e valorizzare la cultura e la tradizione del mondo rurale; sensibilizzare alla tutela dell’ambiente.

Strettamente collegati, pertanto, sono i temi dell’educazione ambientale e alimentare. Quindi, le fattorie didattiche permettono di diffondere la conoscenza dell’agricoltura del territorio, delle produzioni tipiche e delle tradizioni gastronomiche locali; favoriscono lo sviluppo di un adeguato senso critico nei consumatori, promuovendo una corretta educazione al gusto; e contribuiscono a far adottare comportamenti alimentari idonei al mantenimento della salute e della salvaguardia dell’ambiente.

Dal punto di vista dell’agricoltore, poi, vuole essere un’occasione per sostenere la diversificazione delle attività agricole come fonte di reddito complementare. Un filone forse ancora più importante adesso, di fronte alle difficoltà economiche causate dalla pandemia.

Le fattorie didattiche si impegnano a realizzare un’agricoltura sostenibile, a seguire regolari corsi di formazione didattica, a organizzare la propria azienda secondo precisi standard di sicurezza e di accoglienza, sviluppando con le scuole un rapporto continuativo di collaborazione.
Attraverso la realizzazione di percorsi e attività prevalentemente rivolti alle scuole, le fattorie didattiche favoriscono lo sviluppo della conoscenza dell’ambiente rurale, dell’origine degli alimenti, delle tecniche di lavorazione dei prodotti tipici, attraverso il contatto diretto con la campagna, gli animali e la vita contadina. Il lavoro svolto dalle fattorie didattiche si è rivelato nel tempo uno strumento molto efficace per far conoscere alle nuove generazioni l’importanza di una buona agricoltura e del lavoro dell’agricoltore non solo da un punto di vista alimentare ma anche culturale e ambientale.