Economia
Sponsorizzato

Un buon lavoro di squadra vuol dire maggior successo per le aziende

Un buon lavoro di squadra vuol dire maggior successo per le aziende
Economia Martesana, 27 Novembre 2019 ore 05:00

Spesso ci si chiede su cosa si basi il successo di un’azienda. Indubbiamente la risposta possiede varie sfaccettature, tuttavia alcuni aspetti sono più importanti di altri. In primis ci dev’essere un’idea vincente: il prodotto commercializzato dev’essere utile e richiesto nella zona in cui l’azienda opera (a meno di non voler puntare su un outreach internazionale). In secondo luogo, dev’esserci una buona diffusione della conoscenza del prodotto: quella che si chiama con termine anglosassone Brand Awareness è la conoscenza che ha il pubblico del proprio brand. L’obbiettivo è raggiungibile in diversi modi ma tutti certamente afferiscono al campo della pubblicità. Può essere online, fisica o televisiva, ognuna delle quali possiede livelli di efficienza diversi, tuttavia saper proporre al pubblico il proprio prodotto, magari in modo accattivante, con siti web molto eye catchy, o con un logo di forte impatto visivo, è una grande chiave per il successo. Al pari di ciò si pone poi l’organizzazione aziendale, una buona impostazione del flusso di lavoro, un efficientamento dei processi aziendali, tutto concorre a creare un’azienda in salute, che quindi lavorerà meglio e produrrà di più.

Ma c’è un altro fattore che spesso viene trascurato.

Il team building

Il “fattore misterioso” è il lavoro di squadra. Riuscire a creare un lavoro di squadra efficiente aumenta le performance di ogni singolo lavoratore e dei gruppi di lavoro. Tutte quelle pratiche e quei processi atti a migliorare il lavoro di squadra, vengono chiamati team building.

Il termine gira in realtà da molti anni ma è una questione cui prestano attenzione poche aziende, forse perché talvolta queste pratiche implicano un piccolo dispendio economico da parte del datore di lavoro, cosa che spaventa molti. Non si considera però che, creare un team di lavoro in salute e ben legato, produce in realtà un miglioramento anche delle intere prestazioni aziendali, il ché – a medio e lungo termine – implica inevitabilmente maggior fatturato.

Ci sono ovviamente diversi strumenti disponibili, che vanno dallo svolgere attività insieme fino alle migliori pratiche di lavoro per fornire a ogni membro eque condizioni psicologiche, attitudinali e lavorative.

Un fattore fondamentale

A testimoniare l’importanza dell’efficientamento nel rapporto interno tra i vari team di lavoro, arriva una delle aziende più grandi e importanti al mondo: Google.

Risale al 2012 una mossa clamorosa da parte del colosso del web: l’azienda ha infatti deciso di avviare un progetto – chiamato Progetto Aristotele – con la finalità di individuare le pratiche migliori per implementare la sinergia aziendale. Sono emersi alcuni punti fondamentali:

  • Favorire un eguale tempo e diritto di parola: il progetto ha riscontrato che i team nei quali ogni membro esprime le proprie idee per un tempo uguale o similare a tutti gli altri, tendono ad essere più performanti. Oltretutto, più i vari membri raggiungono una buona conoscenza di un certo tema, maggiore sarà la probabilità che si esprimano al riguardo, raggiungendo quindi l’obbiettivo che tutti esprimano i propri pensieri in modo equo.
  • Empatia di gruppo: saper riconoscere come si sentono i vari membri del gruppo, conduce a maggiore performance. L’obbiettivo è dunque di saper riconoscere quando qualche membro del team vive delle problematiche (che spesso si manifestano con una minore partecipazione comunicativa) e di applicare dunque un comportamento di gruppo atto a favorire un ambiente di lavoro più solidale e collaborativo.
  • Un luogo sicuro: anche tramite l’implementazione dei due punti precedenti, è fondamentale che ogni lavoratore si senta in un luogo sicuro, in cui c’è libertà di potersi esprimere e comportarsi in un ambiente di rispetto e fiducia reciproci.

Le metodologie per creare un ambiente di lavoro socialmente positivo e performante sono molteplici, e non necessariamente implicano di compiere attività dispendiose per l’azienda. Già solo stabilire regole umane eque e oneste è un grande passo per migliorare l’ambiente di lavoro e – conseguentemente – la performance dei lavoratori.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter