Economia
sciopero

Protesta alla Emerson di Bussero contro il "taglio" di due lavoratrici

Fiom Cgil: "Colpite due dipendenti precarie senza che sia stata data una valida motivazione".

Protesta alla Emerson di Bussero contro il "taglio" di due lavoratrici
Economia Martesana, 05 Aprile 2022 ore 12:29

Due persone lasciate a casa hanno fatto scattare la protesta alla Emerson di Bussero questa mattina martedì 5 aprile 2022. Alle 11 è stato organizzato dalla Fiom Cgil un picchetto per protestare contro le scelte operate dall'azienda.

Protesta a Bussero

La Emerson è una multinazionale americana, questa sede di Bussero produce perlopiù elettrovalvole. Il caso è esploso dopo che due donne sono state lasciate a casa. Alla manifestazione hanno presenziato anche il sindaco Curzio Rusnati e l'ex sindaco Antonio Galbiati che hanno solidarizzato con i lavoratori. Secondo i rappresentanti dei lavoratori  l'azienda non avrebbe dato chiare ragioni per la decisione che penalizza fortemente le due lavoratrici: "Hanno detto solamente che non hanno più il profilo idoneo per questa azienda".

"Alla Emerson Sirai di Bussero, rispettivamente da oltre un anno e da oltre quattro anni, operavano due lavoratrici precarie (una interinale, l’altra in staff leasing): la loro attività era riconosciuta dall’azienda oltre che dai colleghi - hanno aggiunto in una nota - Qualche giorno fa la direzione ha comunicato alle due lavoratrici l’interruzione del rapporto di lavoro. Al termine di una assemblea, i rappresentanti dei lavoratori e la Fiom hanno chiesto all’azienda di rivedere le proprie decisioni e di avviare un percorso con l’obiettivo di assumere a tempo indeterminato il personale con rapporto di lavoro interinale o staff leasing. Ma di riprendere le due lavoratrici e di discutere di stabilizzazione dei precari, la Emerson Sirai non vuole proprio parlare. Per convincere l’azienda a tornare sui suoi passi, garantire diritti a tutti e stabilizzazione per i precari, le lavoratrici e i lavoratori di Emerson hanno deciso di scioperare e manifestare"

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter