Menu
Cerca
covid e burocrazia

Niente ristori al locale per colpa di un cavillo

L'assurdo caso di un locale di Peschiera: non ha avuto cali rispetto al 2019 perché è stato chiuso per la ristrutturazione.

Niente ristori al locale per colpa di un cavillo
Economia Martesana, 21 Gennaio 2021 ore 12:55

Non ha avuto cali di fatturato rispetto al 2019. Peccato che lo scorso anno sia rimasto chiuso a lungo per ristrutturazione. E ora l’Agenzia delle Entrate non gli vuole riconoscere nulla. L’assurdo caso di un ristoratore di Peschiera Borromeo.

Niente ristori per un cavillo

Gerardo Moccaldi ha una pizzeria da 200 coperti e 18 dipendenti che nel 2020 ha fatturato il 30% del previsto a causa del lockdown.  Ma per l’Agenzia delle entrate non ho avuto cali rispetto al 2019: lo scorso anno, infatti, è rimasto chiuso per ristrutturazione fino a 8 mesi prima della pandemia.

A denunciare la sua situazione è stato il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Franco Lucente, che stamattina, giovedì 21 gennaio 2021, ha fatto visita al ristoratore insieme alla portavoce peschierese del partito Stefania Accosa.

Sono andato nel suo locale per denunciare insieme l’accaduto e per esprimere la mia solidarietà: vivo, lavoro e mi occupo del sud-est Milanese da tanti anni e desidero tenere alta l’attenzione sui problemi dei cittadini.

I problemi economici dovuti al calo drastico dell’attività sono evidenti, ma il Governo non ha previsto questa casistica per i ristori, lasciando così a bocca asciutta Moccaldi e tutti gli altri come lui: è un cavillo ingiusto e scorretto, non è questo il modo di aiutare l’Italia. Secondo i calcoli del ristoratore, avrebbe avuto diritto a 8mila euro per tutto il 2020, ma per l’Agenzia delle entrate la data di apertura della partita Iva coincide con l’avvio dell’attività: quindi nella primavera 2019 ha fatturato zero come in quella 2020 e  non c’è calo di fatturato.

Resterò in contatto con Moccaldi e cercherò di aiutarlo quando potrà riprendere l’attività. Controlleremo anche insieme se ci sono bandi della Regione che rispondano alla sue caratteristiche e a cui possa partecipare. Questo ovviamente vale per Moccaldi così come per gli altri ristoratori della zona, che avranno da me sempre pieno appoggio e piena disponibilità”