Economia

Evasione fiscale Cernusco in prima linea nel recupero

Cernusco sul Naviglio si conferma tra i primi Comuni della Lombardia per recupero dell’evasione fiscale

Evasione fiscale Cernusco in prima linea nel recupero
Economia Martesana, 28 Settembre 2017 ore 16:12

Cernusco sul Naviglio si conferma tra i primi Comuni della Lombardia per recupero dell’evasione fiscale e tra i pochi a vedere costantemente in aumento il contributo riconosciuto dal Ministero a fronte delle segnalazioni inviate frutto di accertamenti fiscali e contributivi su coloro che evadono il pagamento delle tasse statali.

Nei giorni scorsi ha avuto inizio il pagamento da parte del Ministero delle Finanze del contributo, per il 2017, ai Comuni che hanno partecipato all’attività di accertamento fiscale e contributivo per l’anno 2016, con la pubblicazione dell’elenco dei nomi e dei relativi importi attribuiti a ciascun ente. Il Comune di Cernusco sul Naviglio vedrà versati nelle proprie casse 319.712,23 euro

Nella classifica dei 124 Comuni lombardi che hanno avviato l’attività di accertamento, Cernusco si attesta per attribuzione del contributo, al quarto posto dopo Milano (1.748.065,92 euro), Bergamo (377.941,59euro) e Flero, comune del Bresciano (368.784,79) e al secondo posto dopo il Comune di Milano rispetto ai Comuni della Città metropolitana.

Rispetto alla quota pro capite-cittadino recuperata, invece, Cernusco sul Naviglio è il primo tra i Comuni del Milanese, con 9,5619 euro ad abitante riconosciuti per l’attività di accertamento sull’evasione fiscale. Un dato rilevante, quest’ultimo, se si considera che, ad esempio, la quota pro capite per i cittadini residenti a Milano è di poco più di 1 euro.

“E’ con molta soddisfazione che leggiamo questi dati, soprattutto alla luce del fatto che quest’anno è stato registrato un decremento considerevole rispetto agli scorsi anni negli altri Comuni da parte del Ministero nella lotta all’evasione fiscale – ha spiegato il sindaco Ermanno Zacchetti, che detiene la delega al Bilancio -  Il nostro Comune, invece, è in netta controtendenza: dal 2014 (anno in cui abbiamo avviato questo tipo di attività) ad oggi, c’è stato un costante crescendo nel contributo riconosciuto da parte del Ministero, proprio per l’aumento delle segnalazioni e quindi dell’attività di accertamento da parte dei nostri uffici che ha permesso di recuperare per ogni cittadino cernuschese oltre 9,5 euro”.

Lo scorso anno il contributo riconosciuto era stato di 253.383,13, per il 2015 era stato di 290.308,54 e per il 2014 era stato di 5.247,63.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter