Sponsorizzato

A Cassina due scuole dell’infanzia in cui i bambini crescono sereni imparando a percorrere in modo consapevole i sentieri della vita

Open evening alle scuole paritarie Don Ambrogio Verderio di Cassina De’ Pecchi e Don Aurelio Vismara di S. Agata venerdì 24 gennaio dalle ore 17.30

A Cassina due scuole dell’infanzia in cui i bambini crescono sereni imparando a percorrere in modo consapevole i sentieri della vita
Martesana, 21 Gennaio 2020 ore 06:00

Open evening venerdì 24 gennaio dalle ore 17.30 alle 19 nelle scuole paritarie Don Ambrogio Verderio di Cassina De’ Pecchi e Don Aurelio Vismara di S. Agata. Un momento di incontro con le famiglie e i loro bambini per presentare le due strutture e i metodi didattici messi a punto con passione e professionalità dalle insegnanti.
I due istituti, dal secolo scorso a oggi, hanno fatto diventare grandi molte generazioni di bambini cassinesi.

Punti di riferimento storici del territorio

Due scuole dell’infanzia, la Don Aurelio Vismara di S. Agata e la Don Ambrogio Verderio di Cassina de’ Pecchi, due punti di riferimento storici sul territorio dal punto di vista educativo. Fondati rispettivamente nel 1926 e nel 1910, gli istituti hanno visto crescere nelle loro aule molte generazioni di bambini cassinesi, contribuendo in modo straordinario allo sviluppo sociale, culturale ed economico di Cassina De’ Pecchi e dei suoi dintorni.
Due realtà ancora oggi importanti, che basano il proprio modello educativo sulla centralità del bambino, favorendo il suo contatto con il mondo circostante, le esperienze e lo sviluppo di talenti e propensioni.

4 foto Sfoglia la gallery

Il metodo pedagogico:

Crescere imparando a vivere

«Con il nostro lavoro vogliamo rispondere all’appello di papa Francesco a fare della scuola, fin dai primissimi anni, uno degli ambienti educativi in cui si cresce per imparare a vivere, per diventare uomini e donne adulti e maturi, capaci di camminare, di percorrere la strada della vita – spiega la coordinatrice didattica Elisabetta Ferracin – Il nostro ruolo, dunque è quello di collaborare con le famiglie, sostenerle nelle sfide educative e offrire momenti di condivisione e comunità.
Tra scuola e genitori deve nascere una vera e propria alleanza affinché i bambini di oggi siano uomini e donne del futuro capaci di camminare felici sui sentieri della vita».
Per centrare questo obiettivo le insegnanti dei due plessi hanno sviluppato metodi educativi personalizzati, che riuniscono in un’azione sinergica i principi fondamentali delle pedagogie più diffuse.
«E’ attraverso l’esperienza che i bambini prendono coscienza di sé stessi e della realtà che li circonda – riprende l’insegnante – Per questo all’interno dei nostri istituti puntiamo molto sul gioco e sull’esplorazione, arrivando poi all’osservazione di ciascuno per individuarne e stimolarne le doti natural. Valorizziamo inoltre le attività all’aria aperta grazie agli ampi e sicuri giardini intorno alle due strutture stimolando le esperienze dirette anche attraverso la coltivazione dell’orto». La sinergia scuola/famiglia è fondamentale per affrontare tutte le sfide educative: «Proprio per incentivare questa importante collaborazione il nostro impegno è quello di organizzare incontri periodici con i genitori.
Il prossimo, dedicato sempre a temi fondamentali in materia di educazione, avrà luogo in marzo».

Una scuola competente e qualificata

«La nostra missione è quella di offrire una scuola competente e qualificata che ha a cuore il bambino nella sua unicità e in tutte le sue sfere, ma orientata non solo al raggiungimento di obiettivi didattici ovviamente imprescindibili, non solo verso il “cosa farò” da grande ma soprattutto al “chi sarò” da grande, e l’insegnamento dei valori cristiani diventa qui fondamentale… In questo contesto la proposta della scuola dell’infanzia parrocchiale può e vuole fare la differenza».

Un’attenzione per tutti

Poiché le esigenze di ogni bambino sono sempre al centro dell’attenzione, nei due istituti i bambini sono costantemente seguiti dagli insegnanti: «Abbiamo suddiviso gli iscritti in gruppi eterogenei per favorire il sostegno da parte dei più grandi ai più piccoli, tuttavia a seconda delle attività durante la giornata componiamo gruppi omogenei lavorando per età in modo mirato. Prestiamo inoltre attenzione alla psicomotricità con un laboratorio dedicato settimanale e all’espressività con i laboratori di teatro e di arte sempre per tutti. Chi lo desidera ha a disposizione anche il laboratorio facoltativo di inglese.

7 foto Sfoglia la gallery

La mensa interna

Le due scuole dell’infanzia parrocchiali hanno la mensa interna. «Si tratta di un plus di grande importanza – commentano le insegnanti – perché grazie a questo servizio è possibile prestare attenzione anche all’alimentazione dei piccoli, agendo in accordo con le famiglie nel caso di disturbi o intolleranze. La mensa interna permette la preparazione di pasti di qualità con ingredienti selezionati».

L’open day

E’ possibile conoscere in anteprima le modalità operative delle scuole dell’infanzia Don Aurelio Vismara e Don Ambrogio Verderio partecipando all’open evening che avrà luogo venerdì 24 gennaio.
«Nell’occasione – spiegano le insegnanti dei due istituti – Saremo a disposizione degli interessati per illustrare tutta la nostra proposta formativa e presentare la struttura. Oltre ai genitori, aspettiamo anche i bambini. Li accoglieremo volentieri guidandoli alla scoperta della Scuola dell’Infanzia. All’interno della Don Vismara, infine, segnaliamo che è operativa anche una sezione primavera per bambini dai 2 anni».

La giornata tipo

Nelle scuole dell’infanzia Don Aurelio Vismara e Don Ambrogio Verderio la giornata tipo ha inizio verso le ore 7.30 con il pre-scuola, l’accoglienza dei bambini che entrano a orario normale dall’anno prossimo avrà luogo, invece, tra le 8.45 e le 9.15. Dopo l’appello fatto in cerchio in cui ogni bambino, se lo desidera, può raccontare un’esperienza, iniziano le diverse attività sia in gruppi eterogenei, sia in gruppi suddivisi per età.
Dopo pranzo, mentre i più piccoli riposano, i più grandicelli hanno la possibilità di fare attività diverse con legno, costruzioni, macchinine e altri giochi. Il doposcuola è operativo fino alle ore 17.30.
Nel mese di luglio i due istituti organizzano campus per i bambini che raccolgono sempre numerose iscrizioni.

 

Informazione pubblicitaria

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve